June 15, 2018 / 1:00 PM / 5 months ago

PUNTO 1-Stadio Roma, Malagò indagato. Raggi in procura come teste

(Modifica titolo, aggiorna con dettagli)

ROMA, 15 giugno (Reuters) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, è indagato nell’indagine della Procura di Roma sullo stadio dell’AS Roma, ha riferito oggi una fonte vicina all’inchiesta.

Il sindaco di Roma Virginia Raggi è stata invece convocata come testimone in procura nell’ambito dell’inchiesta, che ha portato all’arresto di 9 persone tra politici e imprenditori.

Malagò, secondo l’ipotesi dei magistrati, avrebbe ottenuto “utilità” dal costruttore Luca Parnasi, arrestato nei giorni scorsi, in cambio di un atteggiamento favorevole riguardo al progetto del nuovo impianto sportivo.

Il Coni, in una nota, ha detto che Malagò ha appreso solo dai media di essere indagato e ha chiesto alla Procura di essere ascoltato per chiarire la vicenda.

Fonti inquirenti spiegano che l’audizione di Raggi sarà incentrata sul ruolo del presidente di Acea Luca Alfredo Lanzalone, agli arresti domiciliari da mercoledì, e dimessosi dal vertice della municipalizzata ieri.

Lanzalone, avvocato genovese specializzato in diritto societario, era stato portato alla guida di Acea dal Movimento 5 stelle. Il Campidoglio ha il 51% della multiutility capitolina.

L’indagine, basata prevalentemente su intercettazioni ambientali captate nella sede del gruppo di Parnasi, riguarda una presunta associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e a delitti contro la Pubblica amministrazione nelle procedure per realizzare lo stadio.

RUOLO DI LANZALONE

Secondo gli inquirenti Lanzalone, consulente a titolo gratuito del Comune dal gennaio 2017, avrebbe ricevuto da parte di persone legate al gruppo Parnasi la promessa di incarichi e consulenze per 100.000 euro.

Oltre a Lanzalone e Parnasi sono stati arrestati il vice presidente del Consiglio regionale del Lazio Adriano Palozzi, di Forza Italia, e il consigliere ed ex assessore all’Urbanistica Michele Civita, del Pd. Altre sette persone risultano indagate. Le accuse, a vario titolo, vanno dall’associazione a delinquere alla corruzione, dall’illecito finanziamento al traffico di influenze.

Sempre oggi verranno interrogati i 9 arrestati e il legale di Parnasi ha fatto sapere ieri che il suo assistito, detenuto a Milano, si avvarrà della facoltà di non rispondere.

Il pm Paolo Ielo, che coordina l’indagine insieme alla sostituta Barbara Zuin, ha detto subito dopo gli arresti che l’AS Roma e Raggi non “c’entrano niente” con i fatti contestati.

Il nuovo stadio romano che dovrebbe sorgere nella zona di Tor di Valle, a sud della Capitale, vale un investimento da 1,2 miliardi. La sua costruzione è in mano alla società Eurnova di Parnasi dopo un contratto firmato nel 2014 dal Comune (allora guidato dal centrosinistra) e dalla società Stadio della Roma (Sdr).

L’impianto non sarà di proprietà del club giallorosso, ma della società statunitense As Roma Spv Llc che dal 2011 possiede la maggioranza del club e controlla al 100% la stessa Sdr. La squadra potrà utilizzare lo stadio per almeno 30 anni.

Secondo il sito di Sdr, i lavori per lo stadio dovrebbero cominciare già quest’estate, per terminare nel 2020-21, sempre che l’indagine della Procura non porti a sospensioni.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below