February 19, 2018 / 6:41 PM / 5 months ago

Creval, crollo diritti primo giorno aumento, ma mercato guarda a M&A

MILANO, 19 febbraio (Reuters) - Creval archivia il primo giorno dell’aumento di capitale iperdiluitivo da 700 milioni di euro con azioni e diritti in forte calo.

Una reazione scontata in operazioni di questo genere ma che potrebbe favorire l’ingresso di nuovi investitori che vogliono scommettere sul piano industriale di rilancio della banca e su possibili operazioni di M&A, sottolineano analisti e trader.

Il maxi-aumento, pari a otto volte la capitalizzazione dell’istituto, è infatti strettamente legato alla pulizia di bilancio prevista dalla banca nel piano industriale 2018/20. In particolare, è atteso il deconsolidamento di crediti deteriorati per un valore lordo di circa 2,2 miliardi di euro con l’obiettivo di ridurre il rapporto tra crediti problematici lordi e crediti totali al 9,6% nel 2020 dal 21,7% di fine 2017.

A Piazza Affari le azioni hanno chiuso in ribasso del 7,13% a 0,104 euro, allineandosi al prezzo a cui saranno emesse le nuove azioni, mentre i diritti di opzione crollano del 66,83% a 2,55 euro. Forti i volumi con 55,3 milioni di azioni trattate a fronte di una media giornaliera di 322.000 pezzi. Sui diritti si sono registrati scambi per 1,2 milioni di pezzi.

“Se si crede nella bontà del piano industriale, post aumento l’investimento in Creval può essere interessante. Si può entrare acquistando azioni di una banca con un bilancio pulito dai deteriorati e pronta ad un eventuale merger”, commenta un trader.

Secondo un broker italiano dopo l’aumento e le azioni di de-risking la banca tratterà ad un multiplo di 0,5 volte il suo tangible equity al 2018 attesi con un Rote del 5,6% al 2019.

Gli accordi di garanzia, così come quelli di sub-garanzia, sulla sottoscrizione dell’aumento dovrebbero garantire il successo dell’operazione e dunque le risorse necessarie per portare avanti il processo di pulizia di bilancio, sottolinea inoltre un’altro broker.

L’aumento chiuderà l’8 marzo, con i diritti negoziabili fino al 2 marzo. Il prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni è di 0,1 euro per azione (con uno sconto di circa il 16% sul Terp) nel rapporto di 631 nuove azioni ogni nuova azione posseduta.

Vista la natura fortemente diluitiva dell’operazione, viene applicato il modello rolling.

ACCORDI DI SUB-GARANZIA

L’aumento è garantito da un consorzio di 11 banche guidato da Mediobanca e che include anche Barclays, Citigroup, Credit Suisse e Santander (come co-Global Coordinators e joint bookrunners).

Inoltre Algebris, Credito Fondiario e Dorotheum hanno sottoscritto con i garanti accordi di sub-garanzie di prima allocazione per un massimo ammontare complessivo di 55 milioni.

Algebris avrà l’esclusiva sull’acquisto di un portafoglio di ‘unlikely to pay’ ricompresi nel progetto denominato ‘Gimli’ che prevede cessioni per 500 milioni di deteriorati.

A Credito Fondiario veranno riconosciuti diritti di prima offerta su un ulteriore portafoglio di deteriorati, sempre parte del progetto Gimli, e sarà master servicer della cartolarizzazione da 1,6 miliardi (progetto Aragorn). Infine Dorotheum avrà l’esclusiva sulla cessione del credito su pegno.

PER BANKITALIA DIFFICOLTA’ RECUPERO REDDITIVITA’

Il prospetto informativo dell’aumento, tra le avvertenze per l’investitore, ricorda che “l’aumento di capitale non è di per sé sufficiente a finanziare tutte le azioni strategiche del Piano Industriale 2018-2020”. Il fabbisogno di capitale per attuare il piano è, infatti di circa 803 milioni di cui 742,5 milioni sono legati alle rettifiche nette su deteriorati.

Secondo quanto emerge dal prospetto, la Banca d’Italia ha rilevato inoltre “significative difficoltà nel recupero di un’adeguata redditività della gestione ordinaria” del Creval e, sulla base dell’ispezione da giugno a settembre 2016, in tema di crediti deteriorati, ha riscontrato “ritardi nella classificazione delle esposizioni e nell’adeguamento dei livelli di copertura”.

.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below