February 14, 2018 / 8:08 AM / 9 months ago

Credit Suisse, in rosso nel 2017, terzo consecutivo causa svalutazioni riforma Usa

ZURIGO, 14 febbraio (Reuters) - Credit Suisse ha chiuso il 2017 con una perdita di poco sotto le attese di 983 milioni di franchi svizzeri (1,05 miliardi di dollari) a seguito di svalutazioni per 2,3 miliardi di franchi dopo la riforma fiscale Usa che ha impedito al colosso bancario svizzero di chiudere il primo anno in nero da quando il Ceo, Tidjane Thiam ha lanciato il piano di svolta nel 2015.

Gli analisti si attendevano un rosso di 1,1 miliardi di franchi a seguito delle svalutazioni. I profitti pretasse sono stati pari a 1,793 miliardi di franchi in linea con le attese di 1,803 miliardi secondo un sondaggio.

“Nel 2018 resteremo focalizzati sulla disciplina nell’esecuzione e nel dare valore per i nostri clienti e azionisti nell’ultimo anno del nostro piano di ristrutturazione”, dice il Ceo, Tidjane Thiam.

La banca proporrà una riduzione del dividendo a 0,25 franchi per azioni rispetto ai 0,70 franchi distributi nel 2016 e a fornte di una media delle attese di 0,28 franchi per azione secondo un sondaggio fra otto analisti.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below