December 6, 2017 / 3:10 PM / a year ago

Manovra, Boccia (Pd) chiede estensione Web tax con prelievo minore

ROMA, 6 dicembre (Reuters) - La Web tax introdotta in manovra dal Senato va estesa al commercio elettronico riducendo il prelievo dal 6 all’1 o al 2% della transazione.

Lo ha detto il presidente della commissione Bilancio, Francesco Boccia, chiedendo inoltre di anticipare al 2018 dal 2019 l’entrata in vigore della nuova imposta.

“Vi invito a riflettere, anche per ragioni di gettito, se non abbia più senso eliminare tutti questi meccanismi burocratico-amministrativi e anticipare l’imposta al 2018, mettendoci anche l’1% o il 2%, ma con tutte le transazioni dentro. Io penso che si avrebbe un gettito tra le tre e le cinque volte superiore”, ha detto il deputato durante la discussione in commissione sulla manovra.

Nella versione uscita fuori da Palazzo Madama, la Web tax al 6% si applica alle transazioni elettroniche tra imprese e l’obbligo di versare l’imposta non ricade su Google e Amazon, ma sulle imprese loro clienti.

Per non penalizzare le società italiane è previsto un credito d’imposta da utilizzare in compensazione con altri tributi.

La Ragioneria generale dello Stato ha stimato un gettito di 114 milioni avendo a riferimento ricavi per quasi 4 miliardi.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below