October 5, 2017 / 4:30 PM / a year ago

Enel non vede nuovi bond consistenti in 2017, nessun impatto da Catalogna-Canta

di Stephen Jewkes e Giulio Piovaccari

MILANO, 5 ottobre (Reuters) - Enel non farà nuove emissioni obbligazionarie di rilievo da qui a fine anno, in quanto la società ha già completato il funding 2017 e iniziato quello relativo al 2018.

Lo dice il responsabile finanza della maggiore utility europea, Alessandro Canta, aggiungendo che dal mercato non arrivano segnali di tensioni legati all’esposizione di Enel in Spagna, dove si è fatta più forte la spinta indipendentista catalana.

CATALOGNA

In Spagna, Paese su cui Enel è esposta tramite il controllo di Endesa, domenica scorsa si è tenuto il referendum, non autorizzato dal governo centrale, per l’indipendenza della Catalogna.

Canta spiega che nel corso dei numerosi incontri con investitori internazionali in occasione della recente emissione Usa, “nessuno ci ha rivolto una domanda su questo argomento, e tra l’altro abbiamo raccolto 10 miliardi di dollari di ordini, quindi direi che ad ora non c’è stata nessuna preoccupazione altrimenti qualche domanda, data la nostra presenza in Spagna, ce l’avrebbero fatta”.

FUNDING

A inizio settimana Enel ha collocato sul mercato Usa obbligazioni sulle tre scadenze 2023, 2028 e 2047 per 3 miliardi di dollari complessivi; un’operazione che segue quella analoga di fine maggio da 5 miliardi di dollari e un’altra di riacquisto bond, sempre in valuta Usa, da 1,75 miliardi in agosto.

L’ultima emissione “copre potenzialmente scadenze già di inizio 2018, non ci aspettiamo da qui a fine anno deal importanti né in euro né in dollari perché la strategia di copertura per il prossimo anno è già a buon punto” afferma Canta, aggiungendo però che Enel continua a guardare con attenzione alle opportunità e che potrebbe valutare “in ottica diversificazione” operazioni di dimensione più piccole su altri mercati “di nicchia”.

Nel corso del 2018 Enel ha in calendario scadenze obbligazionarie per un controvalore complessivo di circa 6 miliardi di euro — “totalmente alla portata”, dice Canta — di cui 3 a febbraio. Il debito del gruppo ammonta a circa 38 miliardi a livello netto e a circa 50 a livello lordo.

MERCATO USA

Riguardo la recente preferenza mostrata da Enel per le emissioni in dollari Canta osserva che ora il mercato Usa offre un “un po’ di vantaggio” rispetto a quello in euro sulle scadenze più lunghe. In particolare, spiega, sulla scadenza 12 anni, ovvero la durata media ponderata dei bond emessi questa settimana, il rendimento in dollari ‘swappato’ in euro si è aggirato attorno all’1,50%, contro circa l’1,85% che Enel avrebbe pagato emettendo direttamente in euro.

Quello in dollari è “un mercato molto importante per noi, anche in ottica diversificazione” spiega Canta. “In maniera ricorrente ogni anno ci rivolgeremo anche al mercato americano”.

FINE QE

Parlando di Qe e del prossimo annuncio di una sua progressiva riduzione da parte della Bce, il responsabile finanza di Enel osserva che al di là di una possibile volatilità iniziale, il mercato tenderà senza particolari tensioni ad aggiustarsi su trend di tassi più elevati, più “normali” per un’economia in stato di salute.

Enel non prevede comunque una sostanziale accelerazione dell’attività di emissione, al di là dello sfruttare condizioni di mercato favorevoli per operazioni di “pre funding”, come quella dei giorni scorsi.

Inoltre, spiega Canta, grazie al mix di strumenti di funding utilizzati dal gruppo e alla strategia di ‘hedging’ sui tassi perseguita negli ultimi anni, Enel ha “tranquillamente” la possibilità anche in futuro di continuare a emettere sulle scadenze medio lunghe.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below