July 7, 2017 / 2:16 PM / a year ago

Mediaset pesante in Borsa, paga incertezza su futuro Premium, contenzioso Vivendi

MILANO, 7 luglio (Reuters) - Mediaset è in profondo rosso quest’oggi, l’indomani della presentazione dei palinsesti per la prossima stagione televisiva. Secondo i trader, in un contesto già di disaffezione nei confronti del settore media in Europa, il titolo di Cologno Monzese paga le notizie un po’ incerte sul futuro dei diritti Champions League e quindi della pay tv Premium e sui ricavi pubblicitari, mentre sullo sfondo c’è sempre il muro contro muro con Vivendi sul cui contenzioso non si riesce a intravvedere una via d’uscita.

Intorno alle 16,15 il titolo cede il 3,55% a 3,20 euro, il peggiore titolo media in un settore europeo in calo dell’1,6%, dopo avere raggiunto un minimo dell’anno a 3,18 euro. Da inizio 2017 il titolo sta lasciando sul terreno il 22% circa. Intensi gli scambi, pari a 5,3 milioni di pezzi, sopra la media a 30 giorni di 3,4 milioni.

Un analista di una banca d’affari italiana rileva che a fare scendere il titolo sono le dichiarazioni rese dal management del Biscione mercoledì scorso a Monte Carlo che hanno creato un po’ di confusione fra gli investitori. E oggi sono fioccati alcuni downgrade, come quelli di Jp Morgan che ha tagliato il prezzo obiettivo a 3,6 euro da 4,4 euro precedente, con rating “neutral” e di Exane Bnp a “Underpeform” da “neutral”. “A fronte di una debolezza del comparto in Europa, si aggiungono le notizie rese note ieri alquanto incerte sul contenzioso con Vivendi, sui diritti per la Champions e sul mercato pubblicitario”, sottolinea l’analista.

“Al momento è difficile immaginare come andrà a finire lo scontro con i francesi per il mancato acquisto della pay tv Premium e questo tiene lontani gli investitori”, aggiunge.

A Monte Carlo l’AD di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, ha aperto alla possibilità di cedere l’ultimo anno dei diritti della Champioms League a un altro operatore telco o a Sky, “una notizia che se confermata comunque porterebbe soldi freschi”, sottolinea l’analista. Peccato però che allo stesso tempo il Cfo, Marco Giordani, abbia posto l’accento sul fatto che i prossimi mesi porteranno un calo di abbonati e di ricavi a fronte di un obiettivo di miglioramento della redditività. “Nel primo trimestre i ricavi della pay tv sono scesi del 5%, ma la stima era di un recupero nei mesi successivi”, aggiunge un altro analista.

Quanto ai ricavi pubblicitari nel semestre, Mediaset ha fatto meglio del mercato crescendo del 2%, ma al netto del contributo delle radio che non rientravano nel perimetro di business di Mediaset nel 2016, il trend è di fatto stabile, “anzi si registra un leggero rallentamento rispetto al primo trimestre quando la crescita è stata del 2,3%”.

(Giancarlo Navach)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below