April 17, 2019 / 3:26 PM / 8 months ago

Nigeria spicca mandati arresto per ex ministri su campo petrolifero ceduto a Eni e Shell

ABUJA, 17 aprile (Reuters) - La Nigeria ha spiccato mandati di arresto per due ex ministri in merito alla vendita del campo petrolifero offshore Opl-245 dalla società Malabu Oil and Gas nel 2011. Lo ha comunicato su Twitter la Commissione sui crimini economico-finanziari.

Dan Etete, ex ministro del Petrolio, e il generale Mohammed Adoke, ex ministro della Giustizia “devono essere arrestati ovunque vengano trovati”, dice la Commissione in un tweet. La Commissione aggiunge che il provvedimento fa seguito alla decisione di un giudice nella capitale Abuja.

L’accordo da 1,3 miliardi di dollari ha provocato diverse cause legali in molti paesi. Attualmente è in corso al Tribunale di Milano un processo per corruzione internazionale che vede imputate le società Eni e Shell, e altre 13 persone, fra le quali l’AD Eni Claudio Descalzi (nella sua veste, all’epoca dei fatti, di direttore generale della divisione Exploration e Production), l’ex AD Paolo Scaroni e l’ex direttore esecutivo per esplorazione e produzione di Shell, Malcolm Brinded.

Tutti gli imputati hanno sempre respinto le accuse.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below