September 13, 2018 / 2:40 PM / 5 days ago

RPT-Ipo, nel 2018 possibili altre 4 quotazioni su Mta, ma molte incognite

(Aggiunge utile netto gruppo)

di Elisa Anzolin

MILANO, 13 settembre (Reuters) - Da qui a fine anno potrebbero approdare sul mercato principale di Borsa Italiana fino a quattro società, anche se le incognite sono molte e non è detto che i processi, ormai avviati, giungano a conclusione.

Le Ipo in rampa di lancio - senza allargare l’orizzonte al 2019 - sono quelle di Manifatture Sigaro Toscano, Garofalo Health Care, Piovan e Italian Exhibition Group. Almeno tre di queste società hanno già avviato il ‘pilot fishing’, ovvero una fase preliminare di sondaggio dell’interesse degli investitori propedeutica al processo di quotazione.

Il momento di mercato, come sottolineano da alcuni gestori, non è dei migliori, con le prossime settimane che potrebbero vedere ulteriori turbolenze legate alla manovra finanziaria.

Per questo si guarda soprattutto a business non ciclici o con forte esposizione all’estero.

Il tema principale sarà però la questione della valutazione, che potrebbe risentire del momento di mercato e delle incertezze all’orizzonte. Una fonte di settore sottolinea inoltre gli alti multipli attuali delle MidCap.

Quest’anno c’è stata un’unica Ipo sull’Mta di Borsa Italiana, quella di CAREL, che è riuscita a concludere con successo il collocamento nonostante le tensioni politiche del momento. Anche GUALA CLOSURES è recentemente approdata a Piazza Affari, ma attraverso la business combination con Space 4.

MANIFATTURE SIGARO TOSCANO

La società controllata dal gruppo Maccaferri, che produce e commercializza i sigari toscani, ha già avuto i primi incontri con gli investitori, ma una decisione definitiva sul lancio dell’Ipo non è ancora stata presa. Secondo quanto riferiscono alcune fonti vicine alla situazione, una decisione dovrebbe essere presa proprio in questi giorni, forse già nelle prossime ore. Una delle fonti mette in evidenza che potrebbero essere prese anche strade alternative alla quotazione.

Secondo alcune fonti di settore, ci sarebbe una lontananza tra gli obiettivi di valutazione degli azionisti e quelli del mercato.

La società, che nell’Ipo è affiancata da Unicredit e Credit Suisse, ha archiviato il 2017 con ricavi intorno ai 103 milioni di euro e un Ebitda di 33 milioni. L’export, in crescita, conta per circa il 17% dei ricavi.

GAROFALO HEALTH CARE (GHC)

Il gruppo, che fa capo alla famiglia Garofalo, è un operatore del settore della sanità privata accreditata in Italia ed opera in sei regioni (Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Lazio).

Le azioni che saranno collocate in sede di Ipo deriveranno prevalentemente da un aumento di capitale, per permettere al gruppo di reperire risorse per la crescita per linee esterne, spiega una fonte vicina all’operazione, sottolineando che non è comunque esclusa una parte di secondario per arrivare a un flottante del 35%, che è la soglia minima richiesta dallo Star.

In Italia è la prima società di questo tipo a quotarsi. In Europa c’è già qualche realtà quotata ma con alcune differenze sostanziali. Ad esempio una società simile è la francese ORPEA , quotata a Parigi, che però, a differenza di Garofalo Health Care, non ha nel proprio perimetro la parte immobiliare, rendendo di difficile comparazione i multipli, spiega una fonte.

Come anticipato dal Messaggero, l’assemblea del gruppo di fine luglio ha deliberato di presentare domanda di ammissione all’Mta, segmento Star, e un aumento di capitale legato all’operazione di quotazione. L’offerta, che avrà forma di Opvs, sarà riservata a investitori istituzionali. Nel documento si legge infine che la società intende cogliere il mese di novembre come prima possibile finestra per l’avvio delle negoziazioni.

Secondo il bilancio depositato in camera di commercio la società ha archiviato il 217 con un utile di 10,2 milioni.

La società è seguita nell’Ipo da Credit Suisse ed Equita come global coordinator e da Lazard come consulente finanziario.

PIOVAN

Il gruppo veneto, attivo nella progettazione, installazione e manutenzione di impianti per linee di produzione per le materie plastiche, punta ad approdare a Piazza Affari quest’autunno, con un’Opvs, secondo quanto riferisce una fonte vicina al dossier. Il flottante dovrebbe essere superiore al 35%, in quanto la società punta allo Star.

La società, controllata quasi al 100% dalla famiglia Piovan, realizza all’estero una parte consistente del fatturato, che lo scorso anno è stato all’incirca di 211 milioni di euro.

Per l’Ipo la società è seguita da Lazard come advisor finanziario e dalle banche Goldman Sachs e Unicredit, secondo quanto riferito da alcune fonti.

ITALIAN EXHIBITION GROUP (IEG)

Il gruppo che controlla le fiere di Rimini e Vicenza ha iniziato a sondare l’interesse degli investitori per un eventuale Ipo, che dovrebbe avvenire entro fine anno.

Ha chiuso il 2017 con un fatturato consolidato di 130,7 milioni, un Ebitda di 23,2 milioni e un utile netto consolidato di 9,2 milioni (l’utile netto della capogruppo è 8,7 milioni).

Secondo quanto spiega una fonte l’Ipo dovrebbe prendere la forma di un’Opvs (offerta pubblica di vendita e sottoscrizione) e l’obiettivo è l’approdo sullo Star, quindi con flottante pari ad almeno il 35% del gruppo.

L’operazione vede Equita ed Intermonte come joint global coordinator e Alantra come advisor finanziario.

La società è controllata al 65% da Rimini Congressi (che a sua volta fa capo a comune e provincia di Rimini alla Camera Di Commercio della Romagna, Forlì-Cesena e Rimini) ed è partecipata al 19% da Vicenza Holding (cha a sua volta fa capo al Comune e alla provicia di Vicenza e alla camera di commercio di Vicenza).

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below