July 30, 2018 / 11:57 AM / 4 months ago

Ilva, Di Maio chiederà ad Avvocatura Stato se azzerare gara

ROMA, 30 luglio (Reuters) - Il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio chiederà nei prossimi giorni all’Avvocatura dello Stato se annullare la gara per l’assegnazione di Ilva ad ArcelorMittal, ma nel frattempo ha invitato il gigante della siderurgia e i sindacati a un nuovo confronto sull’occupazione.

Lo ha detto lo stesso Di Maio al termine di una riunione sul primo gruppo siderurgico italiano a cui hanno partecipato anche enti locali, associazioni ambientali e comitati cittadini.

Il ministro ha detto anche che il governo “non ha fretta” e che comunque non vuole consegnare Ilva “al primo che passa”.

“In queste ore stiamo accertando con le direzioni (del ministero) una serie di questioni... e di delucidazioni sulle criticità (della gara Ilva, secondo quanto accertato dall’Autorità anti-corruzione). Raccolte tutte le informazioni anche dal ministero dell’Ambiente... faremo subito, penso questa settimana, richiesta all’Avvocatura dello Stato per sapere che cosa si può fare e cosa no”, ha detto il ministro ai giornalisti rispondendo a una domanda sull’eventuale annullamento della gara.

Di Maio ha aggiunto che se dovessero emergere “rilievi e criticità, reati commessi, porterò tutte le carte in Procura”.

“Nelle prossime ore favoriremo il confronto dei sindacati con ArcelorMittal”, ha detto ancora il leader M5s, dopo che il primo produttore mondiale di acciaio aveva chiesto il sostegno del governo nella trattativa sul personale della “nuova” Ilva.

La multinazionale prevede di assumere 10.000 dipendenti sugli attuali 14.000, mentre i sindacati vorrebbero la conferma di tutti i lavoratori.

Di Maio ha anche detto che il tavolo sull’occupazione potrebbe tenersi già domani, ma la Fim Cisl ha detto che per il momento non sono giunte convocazioni. Anche la Fiom Cgil ha chiesto di fissare la riunione.

GLI IMPEGNI DI ARCELORMITTAL

Nell’incontro di oggi, ArcelorMittal ha presentato pubblicamente gli impegni assunti nei giorni scorsi per migliorare il piano ambientale su Ilva e Taranto.

L’azienda si è impegnata a ridurre di un ulteriore 15% le emissioni di Co2, del 30% le polveri e del 50% le diossine, per azzerare poi le polveri al 2020, con un anno e mezzo di anticipo rispetto al piano ambientale del dicembre 2017.

Questi obiettivi, secondo Di Maio, riducono le “criticità” segnalate dall’Anac, perché in pratica il Dpcm del dicembre scorso aveva allungato i tempi degli interventi ambientali fissati da un precedente provvedimento, anche per favorire la cessione di Ilva.

Ma il ministro ha dato invece un parere negativo sull’intenzione di ArcelorMittal di utilizzare processi di produzione a gas o comunque alternativi, con un basso utilizzo di carbone e dunque meno inquinanti, solo se verranno superati gli 8 milioni di tonnellate di acciaio.

(Massimiliano Di Giorgio)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below