March 5, 2018 / 12:30 PM / in 9 months

PUNTO 2-Voto, Salvini: centrodestra può e deve governare, mercati non temano

(Aggiorna con dettagli, contesto)

di Sara Rossi

MILANO, 5 marzo (Reuters) - Nella sua prima uscita pubblica dopo l’affermazione della Lega alle elezioni di ieri il leader del Carroccio, Matteo Salvini, ha messo in chiaro di voler lavorare alla formazione di un governo di centrodestra, escludendo esecutivi di scopo o “minestrone” e assicurando che “i mercati non hanno nulla da temere” da un governo sotto la sua guida.

Giacca blu, camicia bianca e sorriso smagliante, Salvini dal quartier generale della Lega in via Bellerio ha parlato di una “vittoria straordinaria” con la Lega ha ottenuto, sulla base di dati ancora parziali, circa il 17% dei consensi superando così Forza Italia.

“Con la coalizione di centro-destra abbiamo il diritto e il dovere di governare. Lavoreremo a seggi chiusi perché la squadra più vicina a essere maggioranza [il centro-destra] diventi maggioranza con coloro che eventualmente non fanno parte della squadra ma ne condividono il programma”, ha chiarito senza voler “fare nomi e cognomi”.

Ricordando poi gli accordi del centro-destra che affidavano il ruolo di guida della coalizione al partito che avesse ottenuto anche un solo voto in più, Salvini ha detto che “sceglierà il presidente della Repubblica qual è il premier con i numeri più vicini alla realtà”.

In campagna elettorale Salvini ha ribadito molto spesso che se la Lega avesse ottenuto anche un solo voto in più rispetto agli altri partiti nella coalizione di centro-destra, sarebbe toccato a lui ricoprire il ruolo di premier.

Nel pomeriggio, il leader di Fi Silvio Berlusconi ha detto a Salvini che il centro-destra rafforzerà la propria coalizione per puntare al governo dell’Italia.

Lega e M5s insieme arrivano al 50% e superano il 54% sommando anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, ma Salvini ha preso le distanze da un’alleanza di governo di un blocco populista dicendo che Luigi Di Maio del M5S ha “cambiato idea troppe volte su troppi temi, come euro, Europa e immigrazione”.

“MERCATI NON HANNO NULLA DA TEMERE, ANZI...”

Salvini ci ha tenuto a rassicurare i mercati finanziari che hanno mostrato nervosismo di fronte alla prospettiva che partiti populisti o euro-scettici, come Lega e M5S, potessero affermarsi alle urne.

“I mercati non hanno nulla da temere, anzi un’Italia con meno tasse, una giustizia più veloce e una flat tax al 15% è il paradiso per chi vuole fare impresa in Italia”, ha detto.

Il leader della Lega ha ribadito sull’euro le posizioni espresse in campagna elettorale.

“L’euro era, è e rimane una moneta sbagliata. La decisione di uscire dall’euro non può essere presa da un Paese da solo e i referendum [per abbandonare la divisa unica] non sono pensabili e sarebbero un problema”.

“Al governo lavoreremo come da programma per togliere vincoli e modificare parametri europei. Ci lavoriamo, è un lavoro che non dura 15 giorni, abbiamo ben chiaro che la moneta unica è destinata a finire e vogliamo arrivare preparati a quel momento”.

- Ha contribuito da Roma Giuseppe Fonte

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below