July 25, 2017 / 2:10 PM / a year ago

Banche Europa, casi salvataggi sollevano questioni su rapporti tra autorità-Fmi

MILANO, 25 luglio (Reuters) - La recente esperienza sul salvataggio di alcune banche della zona euro solleva diverse questioni su come risolvere le crisi bancarie in modo efficiente e tempestivo, tema che la revisione della Brrd, la direttiva per il risanamento e la risoluzione degli enti creditizi, deve affrontare.

E’ quanto sostiene il Fondo monetario internazionale in uno studio dedicato alla zona euro, al termine della missione ‘article IV’.

Ricostruendo i casi di Monte dei Paschi, Banco Popular e delle due banche venete, “primo vero test della Brrd e Srm”, il Fondo sostiene che le tematiche sul tavolo, dal punto di vista regolamentare, riguardano in gran parte “la struttura istituzionale e i compiti dei singoli organi ufficiali”.

L’Fmi ricorda che “l’obiettivo deve essere quello di un sistema che affronti i problemi in modo efficace e con minor costi a carico dei contribuenti, del sistema finanziario e dell’economia”.

Gli interventi dovranno essere tempestivi, includere un adeguato burden sharing, limitare il sostegno di Stato a situazioni che siano “senza ambiguità” di tipo sistemico e prevedere una robusta rete di sicurezza tra cui l’assicurazione comune sui depositi e un sostegno di bilancio al Fondo Unico di Risoluzione (Srf).

Tra i nodi da sciogliere lo ‘Staff report’ dell’Fmi cita il miglioramento dell’interazione tra le misure di emergenza a sostegno della liquidità con fondi pubblici e la valutazione sul grado di dissesto di una banca per carenza di liquidità e segnala la necessità di una “accurata e tempestiva condivisione di informazioni sulla qualità degli asset”.

Gli analisti di Washington puntano il dito anche sulle “lunghezza delle procedure per la ricapitalizzazione precauzionale” e sugli “approcci contrastanti” relativi alla valutazione della stabilità finanziaria delle banche in base alla Brrd e sugli aiuti di Stato secondo le regole del trattato sul funzionamento della Ue (Tfeu).

Un’ultima questione citata riguarda alcuni aspetti della Banking Communication del 2013 che prevede, nell’ambito degli aiuti di Stato, requisiti meno stringenti per fare scattare il bail-in (non obbligatorio per il debito senior) rispetto a quelli previsti dalla Brrd, che prevede una soglia dell’8% delle passività, e la parte che riguarda il sostegno pubblico in caso di liquidazione.

“Queste ed altre questione saranno anche inoltre coperte dal ‘Financial Sector Assessment Program’ per l’area euro attualmente in corso”, conclude il Fmi.

.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below