14 ottobre 2009 / 15:20 / 8 anni fa

Intesa, per cessione Fideuram su tavolo opzioni Exor, ipo -fonti

MILANO, 14 ottobre (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI) riprende in mano il dossier Banca Fideuram, tenuto in stand by nelle scorse settimane in vista della decisione dei consigli del 29 settembre sui Tremonti bond.

Sul tavolo l‘ipotesi originaria di procedere con un‘ipo ma resta vivo l‘interesse già espresso da Exor (EXOR.MI) anche se su questo fronte ci sono ancora molti dettagli da chiarire.

E’ quanto spiegano alcune fonti vicine al dossier.

Una di esse riferisce che la prossima settimana potrebbe esserci un incontro tra l‘AD di Intesa, Corrado Passera, e il presidente di Exor, John Elkann, per approfondire il tema.

“Ci sarà una ripresa dei contatti la prossima settimana con un incontro tra Corrado Passera e John Elkann”, spiega la fonte confermando quanto riportato oggi da Il Sole 24 Ore.

Sia Intesa Sanpaolo sia Exor, interpellate in merito, non commentano.

Sul buon esito della trattativa però pesano alcune incognite, secondo alcune delle fonti.

Intesa ha bisogno di deconsolidare Banca Fideuram e punta a cedere la maggioranza della società e a tenersi una quota residua, dice una seconda fonte.

Per Exor, tuttavia, l‘acquisto della maggioranza potrebbe comportare un esborso oneroso che precluderebbe alla cassaforte torinese altre operazioni, sottolinea una terza fonte.

“Exor è interessata ma non ha fretta. Fideuram non è l‘unica opzione possibile. Al momento poi non sembra avere concorrenti concreti, né l‘ipo è uno strumento facile da concretizzare di questi tempi” aggiunge.

Secondo gli analisti il 100% vale circa 3 miliardi di euro, scrivono alcuni quotidiani.

Exor potrebbe agire in tandem con altri partner, ma su questo fronte non vi sono al momento indicazioni, aggiunge la seconda fonte.

Anche i tempi per una chiusura dell‘operazione al momento non appaiono preconizzabili, dicono le fonti.

“E’ troppo presto per dare un‘indicazione temporale, la situazione resta ancora molto fluida”, dice la seconda fonte.

Nel comunicato del 29 settembre, Intesa Sanpaolo aveva comunque dichiarato di voler accelerare il processo delle azioni di capital management sugli asset non strategici individuati dal piano con l‘intenzione di giungere entro i prossimi mesi “ad almeno la metà delle operazioni previste” che consentano di conseguire un beneficio per i ratio patrimoniali di almeno 100 punti base di Core Tier 1 e Tier 1.

Secondo quanto riportato sul comunicato, Intesa ha a disposizione “ben oltre” 200 punti base di Core Tier 1 e Tier 1 dalle operazioni di capital management.

Secondo indiscrezioni stampa dei giorni scorsi l‘istituto sarebbe in trattative per la cessione della banca depositaria con l‘americana State Street (STT.N).

La valorizzazione del nascente polo assicurativo, invece, è un tema di più lungo termine, secondo quanto dichiarato da Passera giorni fa.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below