25 giugno 2009 / 14:21 / 8 anni fa

Corte svedese conferma condanna giudice per Pirate Bay

STOCCOLMA (Reuters) - Il giudice che ha condannato alla prigione quattro uomini, i responsabili del sito The Pirate Bay, uno dei più grandi siti di condivisione-file del mondo, non era prevenuto. Lo ha decretato una Corte d‘appello svedese.

<p>I co-fondatori di Pirate Bay Fredrik Neij (S), Gottfrid Svartholm (C) e Peter Sunde. REUTERS/Bob Strong</p>

Gli avvocati dei quattro avevano invocato un nuovo processo, adducendo come motivazione per la richiesta il fatto che il giudice Tomas Norstrom sarebbe stato prevenuto a causa della sua adesione a diversi gruppi per la protezione del copyright.

“La corte è giunta alla conclusione che nessuna di queste circostanze, né presa singolarmente né collettivamente, possa mettere in dubbio l‘obiettività del giudice”; ha reso noto la corte attraverso un comunicato.

I quattro uomini che gestivano il sito, Carl Lundstrom, Peter Sunde, Gottfrid Svartholm Warg e Fredrik Neij, sono stati condannati ad aprile ad un anno di carcere per aver violato i diritti d‘autore ed è stata loro inflitta anche una pena pecuniaria di 3,6 milioni di dollari, come risarcimento.

Aziende musicali e cinematografiche, comprese Warner Bros., MGM, Columbia Pictures, 20th Century Fox Films, Sony BMG, Universal e EMI avevano chiesto un risarcimento di più di 12,6 milioni di dollari.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below