31 ottobre 2008 / 09:54 / tra 9 anni

PORTAFOGLI - Banche, già possibili acquisti selettivi - gestori

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - I prezzi sono da saldo e i governi si sono impegnati a non lasciarle fallire: è ora di ricominciare a prendere posizione sulle banche, cuore della crisi finanziaria e obiettivo privilegiato del sell-off delle borse.

La tendenza emerge dall‘ultimo sondaggio Reuters-Lipper condotto fra 8 primari asset manager attivi in Italia, ma con qualche distinzione.

Eurizon Capital sgr restringe il campo agli istituti di credito negli Stati Uniti, da dove la crisi è partita contagiando solo in un secondo tempo ol Vecchio Continente.

“I titoli finanziari hanno già cominiciato a fare meglio dello S&P 500, non sono più fra i settori peggiori negli Usa”, sottolinea il gestore Alessandro De Carli indicando fra i comparti più penalizzati energy e materie prime. “Così non è vero per l‘Europa: il ciclo europeo è indietro quindi il morso della recessione dobbiamo ancora vederlo mentre in America è già più palese”, aggiunge.

Anche per Pioneer Investments non si può generalizzare su un intero settore ma occorre valutare banca per banca, puntando sugli istituti di credito maggiormente diversificati.

Eurizon e Pioneer insieme coprono oltre 40% degli asset under management dei fondi italiani.

“Ci sono alcune banche in America come in Europa che, nonostante non abbiano eluso il problema delle sofferenze, hanno del valore a prescindere dagli interventi dei governi”, spiegano dalla casa che fa capo a Unicredit (CRDI.MI).

Quanto alle valutazioni Pioneer non fa differenza fra i settori delle due sponde dell‘Atlantico, sottolineando che “è dall‘estate del 2007 che persino l‘entità dei ribassi è uguale”.

Ancora contrario a investire nel settore finanziario Sella Gestioni che preferisce puntare su altri comparti per affrontare al meglio la recessione cui stiamo andando incontro.

“Riteniamo infatti che la visibilità sugli utili (delle banche ndr) sarà ancora piuttosto ridotta per il prossimo futuro”, dicono dalla sgr.

Il Dj Stoxx delle banche europee .SX7P ha perso da inizio anno oltre il 56%. L‘ETF americano Financial Select Sector SPDR (XLF.A) ha più che dimezzato il suo valore dai massimi dell‘ottobre del 2007 quando aveva toccato il 33,88.

I dati del sondaggio Reuters Lipper sull‘asset allocation a ottobre dei fondi operanti in Italia saranno diffusi alle 15.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below