20 agosto 2008 / 14:36 / 9 anni fa

BORSE EUROPA - Indici contrastati, su minerari e oil, giù banche

                               indici              chiusura
                            alle 16,20     var%       2007 ---------------------------------------------------------------   DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.276,70     -0,09    3.711,03   FTSEurofirst300 .FTEU3      1.158,71     -0,06    1.314,42   DJ Stoxx banche .SX7P         280,43     -1,39      337,67   DJ Stoxx oil&gas .SXEP        368,69     +2,11      435,73   DJ stoxx tech .SX8P           235,45     +0,04      249,25  ---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 20 agosto (Reuters) - E’ un pomeriggio contrastato per le piazze europee, in cui i titoli minerari ed energetici in netto rialzo non riescono a bilanciare la spinta negativa delle banche e dei settori trasporti SXTP e retail SXRP.
 L‘indice che raggruppa le società legate alle materie prime .SXPP vola di quasi il 4%, mettendo nell‘ombra i risultati deludenti delle scorse settimane. Salgono l‘oro XAU=, ai massimi di una settimana a quota 813,10/4,10 dollari l‘oncia, recuperano altre materie prime, alluminio e cuoio in testa, mentre l‘oro nero segna un rialzo di quasi due dollari.
 Alle 16,15 il contratto a settembre sul Nymex CLc1 sale di 1,94 dollari a 116,46 dollari al barile, spingendo al rialzo anche i titoli energetici .SXEP. L‘indice che li raggruppa sale di oltre il 2%, in attesa dei dati sulle scorte settimanali negli Usa, previsti nel pomeriggio.
 Le banche invece non accennano a riprendersi dopo i recenti giorni bui per i timori sull‘assetto finanziario globale e sulle difficoltà dei colossi dei mutui Fannie Mae FNM.N e Freddie Mac FRE.N. Dall‘inizio dell‘anno l‘indice di settore .SX7P ha perso oltre il 30%. Secondo lo strategist di Commerzbank Markus Wallner, tuttavia, non è ancora possibile neanche intravedere la fine del tunnel della crisi del credito che ha colpito i mercati.
 Alle 16,20 circa le principali piazze europee sono prevalentemente piatte: l‘indice inglese FTSE 100 .FTSE in rialzo dello 0,42%, il tedesco Dax .GDAXI dello 0,01% e il francese Cac 40 .FCHI dello 0,16%.
  
 Tra i titoli in  evidenza:
  
 * BT GROUP (BT.L) sta realizzando oggi il risultato peggiore sui listini europei, perdendo quasi il 7%. La maggiore compagnia telefonica inglese, con oltre 4,5 milioni di utenti, risente da tempo di una situazione difficile, dopo aver mancato alla fine del mese scorso le previsioni sugli utili del primo trimestre.
  
 * FERROVIAL (FER.MC) perde l‘1,26%, dopo che le autorità inglesi hanno decretato che la divisione BAA della società spagnola, specializzata nel settore della gestione dei trasporti, dovrà vendere tre dei sette aeroporti inglesi comprati due anni fa per 10 miliardi di sterline. La sentenza è stata molto più dura di quanto previsto. BRITISH AIRWAYS BAY.L, che ha insistito sulla necessità di controlli sulle performance degli operatori aerei, perde oltre il 3%.
  
 * TULLOW OIL (TLW.L) sale di quasi il 7%, dopo che Ubs ha alzato il rating della società petrolifera a “buy” da “neutral on valuation”.
  
 * ARCELORMITTAL ISPA.AS aumenta il rialzo, salendo di quasi il 4%. La più grande produttrice di acciaio al mondo, ha offerto 810 milioni di dollari per l‘acquisto di London Mining Brasil, specializzata nell‘estrazione del ferro, per migliorare la propria autosufficienza per le materie grezze.
  
 * In salita oggi le società del settore minerario, che risentono dell‘aumento del prezzo delle materie prime. XSTRATA XTA.L sale di oltre il 5%, KAZAKHMYS (KAZ.L) e ANTOFAGASTA (ANTO.L) di quasi il 6%.
  
 * Continua il declino delle banche: BARCLAYS (BARC.L) perde oltre il 3%. La banca inglese, ha detto il presidente Bob Diamond al Financial Times, potrebbe prendere in considerazione l‘acquisto di una società di gestione fondi statunitense, mentre è improbabile che che possa fare un‘offerta per una banca di investimenti. In calo anche ANGLO IRISH BANK ANGL.I, di oltre il 4%, ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L), di circa il 3%.
  
 * THYSSEN KRUPP (TKAG.DE) sale di quasi il 3,5%, dopo indiscrezioni stampa su negoziazioni in corso con la Cina per la vendita della tecnologia Transrapid, già usata per trasportare passeggeri dalla città di Shanghai fino all‘aeroporto.    

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below