11 settembre 2009 / 16:37 / 8 anni fa

PUNTO 1 - Intesa SP, cessione Banca Fideuram è tra ipotesi

(Riscrive accorpando pezzi)

MILANO, 11 settembre (Reuters) - Banca Fideuram è tra gli asset non strategici che potranno essere oggetto di ‘capital management’, quindi anche di cessione, da parte di Intesa Sanpaolo (ISP.MI).

Lo conferma la banca in una nota diffusa su richiesta della Consob, dopo che oggi alcuni quotidiani hanno descritto come vicina la cessione dell‘asset manager.

“Intesa Sanpaolo conferma che, come già più volte comunicato, si attende un ulteriore rafforzamento dei propri coefficienti patrimoniali proveniente da operazioni di capital management (cessione, partnership, quotazione, ...) riguardanti attività non strategiche, tra cui Banca Fideuram”, si legge in una nota.

“In merito a tali operazioni, sono in corso contatti preliminari con varie controparti potenzialmente interessate e non sono allo stato determinabili termini e condizioni della loro eventuale realizzazione”, prosegue la nota di Intesa.

Secondo quanto riportato da alcuni quotidiani ieri e oggi, Exor (EXOR.MI), la cassaforte della famiglia Agnelli, sarebbe candidata all‘acquisto di Fideuram in tandem con due private equity americani.

Un portavoce di Exor stamane ha ribadito che Fideuram è un dossier come altri e che in merito verranno fatte le valutazioni del caso.

Apax Partner, indicato da MF come uno dei fondi potenzialmente interessati, “per policy non commenta mai le indiscrezioni”.

La ricostruzione di MF prevede che Exor rilevi, con i private equity, l‘80% di Banca Fideuram che nel complesso viene valutata 3,8 miliardi. A Intesa, che vedrebbe affluire nelle proprie casse circa 3 miliardi, resterebbe il 20%, secondo il quotidiano.

La cessione di asset strategici è un modo per migliorare i ratio patrimoniali della banca. Su questo fronte Intesa Sanpaolo sta discutendo con il governo italiano sui Tremonti bond e la scorsa settimana l‘AD Corrado Passera ha lasciato aperte tutte le opzioni, anche quella di chiedere meno dei 4 miliardi preventivati o non dare seguito all‘operazione.

Una decisione verrà presa a fine settembre e terrà conto “di quanto saranno a quel punto vicine le dismissioni previste dal nostro piano perché i Tremonti bond erano intesi come ponte in attesa di queste dismissioni”, ha spiegato Passera.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below