January 22, 2019 / 4:03 PM / a year ago

Tim, ceo Gubitosi pensa che separazione rete non sia così semplice - Vivendi

MILANO, 22 gennaio (Reuters) - Vivendi ritiene che il ceo di Telecom Italia (Tim), Luigi Gubitosi, abbia manifestato una certa cautela sull’operazione di separazione della rete.

“Abbiamo colto di recente che il ceo di Telecom Italia sembra pensare che la separazione della rete di Tim non sia così semplice”, dice una nota Vivendi.

Ieri un comunicato Elliott sollecitava il cda ad accelerare sul fronte dello scorporo della rete al fine di creare valore per gli azionisti.

Vivendi ribadisce poi le sue critiche alla gestione del cda espressione del fondo attivista. Gubitosi a metà novembre ha sostituito al vertice del gruppo il ceo, Amos Genish, nominato dal consiglio a maggioranza Vivendi.

“I sindacati ieri hanno affermato che la separazione della rete fissa rappresenterebbe un disastro dal punto di vista industriale per Tim e per i suoi dipendenti”, aggiunge la nota.

Il progetto di separazione della rete, da conferire a una nuova società controllata al 100% da Tim, è stata varata dal cda a maggioranza Vivendi e dal ceo Genish.

Non è stato possibile avere un commento immediato da Tim.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Siamo anche sorpresi che Elliott sembri interferire con le autorita’ pubbliche italiane, alla luce del suo status di azionista di minoranza in Tim”. Lo afferma un portavoce di Vivendi dopo che ieri Elliott ha dichiarato, dopo la decisione Agcom di non concedere un dividendo regolatorio, che sarebbe opportuno procedere con la separazione della rete e la fusione con Open Fiber. “Le tattiche di Elliott - sottolinea ancora una volta il primo socio di Tim - stanno deprimendo i risultati di Tim e il valore delle azioni. Oggi il valore ha raggiunto un record negativo ed e’ diminuito quasi del 50% dal 4 maggio. Gli interessi di Elliott non sono allineati con quelli degli altri azionisti. Il suo collar lo protegge da qualsiasi effetto negativo e puo’ essere esercitato a partire dal 5 febbraio. Il calo nel prezzo delle azioni generera’ anche piu’ cassa per loro”. Inoltre “i sindacati ieri hanno affermato che la separazione della rete fissa rappresenterebbe un disastro dal punto di vista industriale per Tim e per i suoi dipendenti”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below