October 25, 2018 / 9:07 AM / 2 months ago

Risparmio gestito, raccolta settembre +436 mln, fuga da bond

MILANO, 25 ottobre (Reuters) - L’industria del risparmio gestito a settembre ha registrato una raccolta positiva, confermando il mini-trend positivo cominciato il mese precedente. Secondo i dati parziali diffusi da Assogestioni, infatti, il mese scorso ha visto una raccolta netta pari a 436 milioni di euro.

Si rafforza, pertanto, il dato positivo del 2018: da gennaio, si legge in una nota, la raccolta netta ammonta a 12,283 miliardi.

A spiccare, però, è il tracollo dei fondi obbligazionari, risultato probabilmente della caduta dei prezzi dei Btp, conseguenza della manovra economica annunciata dal governo e bocciata dalla commissione Ue.

Risale il patrimonio gestito, che arriva a 2.055 miliardi da 2.049 miliardi di agosto.

A trainare l’industria del risparmio gestito continuano ad essere le gestioni di portafoglio, con una raccolta di 1,24 miliardi, interamente dovuta agli istituzionali (+1,856 miliardi), mentre la componente retail è negativa per 616 milioni.

Dopo la parentesi col segno più di agosto, il mese scorso sono tornate negative le gestioni collettive: -804 milioni, con i fondi aperti fortemente in rosso (-1,297 miliardi) e quelli chiusi in territorio positivo (+493 milioni).

Lo spaccato delle categorie dei fondi aperti vede una conferma dei flussi sui monetari (+560 milioni), tradizionale parcheggio di capitali nei periodi di incertezza.

Bene bilanciati (+526 milioni) e azionari (+520 milioni), mentre i flessibili, protagonisti assoluti di quest’anno (hanno raccolto 12,941 miliardi), registrano un dato negativo inedito (-660 milioni).

Non si arresta, anzi accelera, l’emorragia dei fondi obbligazionari: -2,239 miliardi. Da inizio anno i bond hanno lasciato per strada 19,204 miliardi.

I fondi di diritto italiano registrano l’ennesimo dato negativo (-1,476 miliardi), mentre i fondi di diritto estero si confermano positivi (+178 milioni).

Per ciò che riguarda i singoli gestori, spicca la performance di Amundi (+1,388 miliardi).

Segno più per il gruppo Intesa Sanpaolo (Eurizon e Fideuram): +530,4 milioni.

Torna a registrare deflussi il gruppo Generali (-945,2 milioni).

Positivi i dati di Anima Holding (+312,9 milioni), Poste Italiane (+795,8 milioni), Ubi Banca (+23,5 milioni) e Axa (+189 milioni), che entra nella top ten, scalzando Azimut Holding (-159,6 milioni).

Segni meno contenuti per il gruppo Banca Mediolanum (-1,8 milioni) e Allianz (-67,1 milioni).

Per il resto, deflussi consistenti da JP Morgan Asset Management (-240,8 milioni), Invesco (-339,6 milioni), gruppo Deutsche Bank (-290,5 milioni) e M&G Investments (-377,6 milioni).

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana, con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon le parole “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below