13 aprile 2017 / 13:03 / tra 5 mesi

Italia, record Target2 marzo riconducibile a effetti Tltro2 -Bankitalia

* In 2016 italiani hanno acquistato titoli esteri per 78,7 mld

* Prima voce 49 miliardi di acquisti di fondi esteri

* Soggetti esteri hanno venduto titoli italiani per 75,2 mld

MILANO, 13 aprile (Reuters) - L‘incremento del debito Target2 dell‘Italia, balzato in marzo a nuovi record, è in parte riconducibile all‘operazione di finanziamento Tltro2 condotta dalla Bce nello stesso mese.

A dirlo è Banca d‘Italia, nel Bollettino economico numero 2 del 2017 pubblicato oggi.

I dati mensili sugli aggregati di bilancio di via Nazionale, diffusi la settimana scorsa, hanno evidenziato a fine marzo un debito Target2 dell‘Italia al nuovo massimo storico di 419,839 miliardi di euro, in aumento di quasi 34 rispetto a febbraio .

“L‘ampliamento nel mese di marzo è riconducibile anche agli effetti della creazione di liquidità derivante dalla quarta operazione” di finanziamento a lungo termine, si legge.

Tltro2 a parte, il Bollettino ribadisce le dinamiche già più volte segnalate alla base della progressiva espansione del Target2, l‘indicatore delle passività italiane sul sistema di pagamento dell‘Eurosistema.

Bankitalia sottolinea infatti che nel 2016 i residenti in Italia hanno continuato a investire in titoli esteri (+78,7 miliardi sull‘intero anno); gli acquisti hanno privilegiato fondi comuni esteri (+49,0 miliardi), riflettendo “la graduale ricomposizione del portafoglio delle famiglie italiane indotta anche dal programma di acquisti dell‘Eurosistema, con una riduzione del peso dei titoli pubblici e delle obbligazioni bancarie a favore dei prodotti assicurativi e del risparmio gestito, caratterizzati da una maggiore diversificazione internazionale”.

A tali dinamiche si aggiunge, sul lato delle passività, la riduzione nel corso del 2016 del portafoglio di titoli italiani in mano a soggetti esteri per 75,2 miliardi (principalmente obbligazioni bancarie e a seguire titoli pubblici).

“A seguito di questi andamenti la posizione debitoria della Banca d‘Italia sul sistema dei pagamenti europeo Target2 si è attestata a 420 miliardi alla fine di marzo” conclude via Nazionale.

D‘altra parte, osserva il Bollettino, tra ottobre 2016 e gennaio 2017 (ultimo mese per il quale sono attualmente disponibili i dati di bilancia dei pagamenti) “l‘incremento del saldo passivo ha riflesso soprattutto il calo della raccolta bancaria sui mercati internazionali, avvenuto in parallelo alla creazione di liquidità attraverso i programmi dell‘Eurosistema; questo effetto è stato parzialmente compensato dal surplus di conto corrente”.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below