23 aprile 2014 / 10:49 / 4 anni fa

PUNTO 1-Risparmio gestito incassa altri 18,8 mld, raccolta trim1 oltre 29 mld

* Miglior trimestre dal 2000

* Patrimonio sale a 1.390 miliardi circa

* Afflussi obbligazionari superano flessibili

* Fondi italiani +2,6 miliardi, esteri +11,8 miliardi (Aggiuge dettagli, commenti)

MILANO, 23 aprile (Reuters) - Si conferma il momento positivo dell‘industria del risparmio gestito in Italia nel mese di marzo: il mese scorso ha visto affluire altri 18,8 miliardi di euro nel sistema, con i fondi aperti che continuano a fare la parte del leone.

Le statistiche di raccolta preliminari, rese note oggi da Assogestioni, fanno lievitare il saldo del primo trimestre al record dal 2000: si tratta di 29,1 miliardi di euro, quasi la metà dei 62,5 miliardi raccolti sull‘interno anno scorso.

Il patrimonio gestito, rappresentato al 45,6% dalle gestioni collettive - ovvero i fondi aperti e chiusi - e al 54,4% da quelle di portafoglio, aggiorna i massimi record, portandosi a 1.390 miliardi circa.

Con sottoscrizioni per 7,9 miliardi di euro, gli obbligazionari tornano a superare i flessibili (+4,6 miliardi) quanto a raccolta per la prima volta da maggio 2013.

Nel quadro di una congiuntura favorevole per l‘industria del risparmio - che si avvantaggia della fase rialzista dei mercati oltre che di fattori come la ricerca di rendimento in un contesto di tassi di interesse ai minimi e di necessità delle banche di realizzare ricavi da commissioni - “il fondo obbligazionario è sicuramente quello più facile da vendere considerata la scarsa propensione al rischio degli italiani”, sottolinea Simone Calamai, AD di Fundstore.

D‘altra parte quasi la metà dei 590 miliardi di risparmio gestito sotto forma di fondi aperti è costituito da prodotti obbligazionari.

Il bilancio da inizio anno resta comunque favorevole ai prodotti che assegnano ampia delega al gestore, i flessibili, in nero per 12,4 miliardi.

“A fine 2013 il 35% circa dei fondi sottoscritti sulla nostra piattaforma era di quelli catalogati da Assogestioni come obbligazionari”, spiega Calamai, aggiungendo: “Molto spesso si tratta di obbligazionari flessibili con mandati di gestione ampi per cui questi fondi possono investire in più aree geografiche, con valute e duration diverse”.

“Un altro 35% dei fondi sottoscritti al 31/12 era flessibile e il restante erano soprattutto azionari specializzati; ad oggi non è cambiato molto”, conclude il manager ricordando che tipicamente il cliente “fai da te” ha una propensione al rischio maggiore.

TIMIDO RECUPERO DEI FONDI HEDGE

Marzo vede il ritorno del segno più davanti alla categoria degli hedge, prodotti caduti in disgrazia con la crisi finanziaria. Con i tassi ai minimi proseguono i riscatti sui fondi monetari (-296 milioni), unica categoria in rosso nei primi tre mesi per 1,5 miliardi circa. Richiesti, infine, anche azionari (984 milioni) e bilanciati (1,051 miliardi).

Da segnalare la raccolta del gruppo Generali, 7,73 miliardi di euro registrati quasi interamente sui fondi aperti. Un dato a cui ha “contribuito significativamente il consolidamento all‘interno del perimetro di Generali Investments Europe di parte degli attivi precedentemente gestiti direttamente da società assicurative del gruppo”, spiega una nota del Leone ricordando che l‘operazione rientra nell‘ambito della strategia di Generali Investments Europe di estendere la sua gestione a tutti gli asset assicurativi del gruppo Generali nel mondo.

Eurizon Capital, fabbrica prodotto di Intesa Sanpaolo , vede afflussi per 2,3 miliardi che, con Banca Fideuram, porta il bilancio del gruppo a 2,7 miliardi circa. Raccolta per circa 1,5 miliardi per Pioneer Investments del gruppo Unicredit e di oltre un miliardo per la neoquotata Anima e per l‘aspirante matricola Poste Italiane.

Il successo dei gruppi di asset management tricolore aiuta a catalizzare anche flussi verso i prodotti di diritto italiano che, a marzo, raccolgono 2,6 miliardi a fronte degli 11,8 miliardi di quelli domiciliati all‘estero. Nel primo trimestre i primi hanno visto entrare 6,65 miliardi di euro e i secondi poco più di 18 miliardi.

(Maria Pia Quaglia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below