22 aprile 2014 / 07:43 / 4 anni fa

PUNTO 2-Intesa, UniCredit, Kkr e A&M, sì a memorandum per crediti problematici

(Aggiunge fonti)

MILANO, 22 aprile (Reuters) - Intesa Sanpaolo, UniCredit, Kkr e Alvarez & Marsal hanno firmato un ‘memorandum of understanding’ per gestire il portafoglio di crediti in ristrutturazione.

E’ quanto si legge in una nota congiunta, in cui si precisa che il memorandum ha come fine quello di “sviluppare e realizzare insieme una soluzione innovativa, finalizzata a ottimizzare le performance e massimizzare il valore di un selezionato portafoglio di crediti in ristrutturazione attraverso la gestione attiva degli asset e l‘apporto di nuove risorse finanziare”.

I quattro soggetti, inoltre, spiegano che la formazione e l‘operatività della partnership “sono ancora oggetto di discussione e verifica tra le parti” e che “ulteriori dettagli verranno resi noti con il progredire dell‘operazione”.

Il progetto, allo studio da qualche mese, prevedeva che le due banche lavorassero con la società di investimento Kkr alla creazione di due veicoli, cui conferire crediti ristrutturati del valore iniziale di 1 miliardo di euro, secondo fonti vicine alla situazione.

In realtà, secondo una fonte vicina al dossier, la base di partenza è di 1 miliardo di euro per ciascuna banca. Ma si tratta solo di un ammontare iniziale, destinato presumibilmente a salire.

Lo scorso febbraio, le fonti avevano parlato di “un veicolo che, poi, procederebbe a operazioni di cartolarizzazione e/o di un veicolo che prevederebbe l‘ingresso di un partner specializzato in turnaround industriale”, accanto a Kkr.

Una seconda fonte vicina all‘operazione spiega che “i crediti (che verranno conferiti al veicolo) non sono ancora stati individuati. Il bersaglio è mobile, richiede affinamenti in corsa in base al portafoglio delle banche”.

La definizione dell‘operazione richiederà “qualche mese” per “verificare la struttura e firmare i vari tipi di contratti”, oltre a dover passare dal vaglio di Bankitalia.

Il portafoglio di crediti conferiti al veicolo, dunque, “cambierà” e l‘ammontare “verrà stabilito in corsa”.

Ciò che è chiaro, sottolinea la fonte, “è che l‘operazione si fa, perché sono coinvolti i massimi livelli delle banche”.

Kkr, conclude la fonte, metterà gran parte dell‘equity, mentre Alvarez ne metterà a una parte; “ma il veicolo è aperto anche alla partecipazione in equity delle banche”.

In base ai dati aggiornati al 30 settembre scorso, Intesa Sanpaolo ha un portafoglio crediti ristrutturati per 2,5 miliardi di euro, mentre quello di UniCredit ammonta a 8,13 miliardi.

(Massimo Gaia, Francesca Landini)

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below