25 novembre 2013 / 17:58 / tra 4 anni

Buyout, Valvitalia tratta con Fsi, possibile deal a breve -fonti

MILANO, 25 novembre (Reuters) - La ridefinizione dell‘azionariato di Valvitalia potrebbe essere alle porte, con il Fondo Strategico Italiano (Fsi) nel ruolo di pivot.

E’ quanto dicono due fonti vicine alla vicenda.

Il dossier del riassetto della società attiva nel campo della progettazione, produzione e fornitura di apparecchiature e componenti destinati all‘industria petrolifera, dell‘acqua e del gas naturale, nonché a quella petrolchimica e della produzione di energia elettrica, si trascina da tempo.

Gli information memorandum erano stati spediti, dall‘advisor Citigroup, ai potenziali compratori nel marzo scorso, ma l‘iter - come oramai sta divenendo prassi nei deal che riguardano asset italiani - si è trascinato per mesi e non è detto che trovi uno sbocco positivo.

Comunque, “le trattative (tra Ruggeri e Fsi) sono in corso”, spiega una delle fonti.

Non è stato possibile avere un commento dalle parti interessate.

L‘attuale azionariato del gruppo di Rivanazzano (Pavia) vede gli operatori di private equity Synergo, Igi e Chequers al 53,84% e Salvatore Ruggeri, fondatore e presidente, al 42,77%, mentre la quota restante è in mano al management.

I rapporti tra Ruggeri e i soci finanziari sono da tempo tesi. Da qui le difficoltà a definire il riassetto, con il fondatore che punta a tenere le redini e i fondi che premono per una cessione del 100% del capitale a un soggetto industriale. “E’ un deal delicato, ci sono interessi diversi”, nota una fonte.

Il gruppo fattura oltre 300 milioni di euro, possiede dodici stabilimenti produttivi, di cui cinque in Italia, e uffici vendite in tutto il mondo, ed esporta in 83 paesi.

E, per evitare di vendere la sua ‘creatura’, Ruggeri ha bussato alle porte di Maurizio Tamagnini, amministratore delegato di Fsi.

Una settimana fa, Tamagnini aveva anticipato per oggi una conferenza stampa per annunciare “due operazioni di finanziamento di capitale di aziende che fanno bene il loro mestiere”.

Gli annunci, in effetti, stanno slittando, ma c‘è la ragionevole certezza, confermata da più fonti, che un investimento riguardi Sia, di cui il Fsi acquisirà la quota di maggioranza in compagnia di F2i e di Orizzonte Sgr, che fa capo al sistema delle camere di commercio.

SMENTITO ACCORDO CON FLOWSERVE

Tornando a Valvitalia, la data-room del gruppo pavese è aperta da mesi. Tempo fa, una fonte vicina alla situazione spiegava a Reuters che “si attendevano i conti del primo semestre per confermare le dinamiche del business e tirare le somme”. I risultati semestrali sono arrivati, ma il deal ancora non si chiude. E la fine dell‘anno si avvicina.

Nel 2012, il fondo francese Astorg era stato vicino a rilevare le partecipazioni degli investitori finanziari, ma le perplessità di Ruggeri avevano fatto naufragare l‘operazione.

Tra i potenziali compratori sono circolati, tra gli investitori strategici, i nomi dei gruppi americani Cameron International, Flowserve, Tyco International , Pentair e Circor International.

Il 2 novembre scorso, Valvitalia ha pubblicato un comunicato per ”smentire alcune voci relative all‘acquisizione del gruppo da parte di Flowserve, comunicando che nessun contatto, azione o accordo è stato, né sarà preso al riguardo.

“Si precisa che la direzione della società è seguita direttamente dalla famiglia Ruggeri insieme ai dirigenti, alcuni dei quali anche azionisti della società. La quota di maggioranza di Valvitalia è di proprietà della famiglia Ruggeri attraverso Finvalv Srl e non è assolutamente in vendita”, continuava la nota.

Un comunicato tutto da intepretare. Diverse fonti, infatti, oltre a indicare che la maggioranza delle azioni fa capo ai soci finanziari, avevano detto che Citi stava lavorando alla cessione del 100% del capitale.

Per quanto riguarda i potenziali acquirenti finanziari, l‘info-memo è finito sul tavolo degli operatori di private equity specializzati nel settore energy, come Quercus Investment Partners, e su quello di fondi generalisti, come Pamplona. In corsa anche player italiani. Clessidra, in particolare, secondo diverse fonti, sta valutando da tempo il dossier Valvitalia.

(Massimo Gaia)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below