19 gennaio 2012 / 15:13 / 6 anni fa

PUNTO 2-UniCredit, dietrofront libici su aumento, ma titolo vola

(Riscrive accorpando i pezzi)

MILANO, 19 gennaio (Reuters) - Il puzzle dell‘azionariato di UniCredit post aumento di capitale si arricchisce di un nuovo tassello: il dietrofront dei soci libici che non aderiranno all‘operazione e quindi vedranno diluirsi le proprie quote.

In un‘intervista a Reuters il governatore della Central Bank of Libya, Saddeq Omar Elkaber, ha dichiarato che il governo del paese non intende investire capitali freschi all‘estero, UniCredit compresa perché ha bisogno di denaro per la ricostruzione del paese.

Questo nel giorno in cui i diritti, alla vigilia dell‘ultima seduta di negoziazione, hanno ridotto all‘1,5% lo sconto rispetto al titolo, mettendo a segno un +42% a riprova di un certo interesse per l‘aumento, oltre che per ricoperture, spiegano i trader. Il titolo ha chiuso a +12,9%.

“Credo che ci sia la sensazione, da parte del mercato, che l‘aumento procede bene. E credo che parecchi abbiano realizzato che la banca abbia dei fondamentali buoni”, ha detto a questo proposito l‘AD Federico Ghizzoni, a margine della Financial services conference di Ubs.

Elkaber ha spiegato che “c’è una decisione del consiglio dei ministri di non contribuire. Intendo dire non investire né azioni né denaro liquido negli investimenti stranieri”.

Quindi né Central Bank of Libya né Libyan Investment Authority (Lia) hanno intenzione di aumentare le azioni in UniCredit, ha proseguito il governatore.

In particolare la quota della Central Bank of Libya “si ridurrà dal 4,9% al 2,8% dopo al diluizione”, ha detto. Pochi giorni fa lo stesso governatore aveva dichiarato che Central Bank of Libya avrebbe mantenuto la quota attuale in UniCredit.

Il fondo Aabar di Abu Dhabi ha comunicato due giorni fa la decisione opposta: incrementare la propria quota dal 4,99% al 6,5% e allo scopo ha acquistato sul mercato i diritti necessari dopo una trattativa non andata a buon fine con Lia.

Con la posizione annunciata dai libici, si completa il panorama degli azionisti principali di UniCredit: la quota complessiva delle fondazioni - viste anche le adesioni parziali annunciate da Cariverona e Manodori - è destinata a ridursi anche se il ruolo nella banca “resterà strategico”, come dichiarato ieri da Ghizzoni.

Oggi intanto Luigi Maramotti, tramite alcuni internal dealing, ha annunciato l‘esercizio dei diritti in suo possesso per complessivi 48,95 milioni.

Resta aperta l‘incognita di possibili nuovi soci: ieri Ghizzoni non ha fatto alcun commento a proposito, limitandosi a dire che c’è fiducia in una chiusura positiva dell‘aumento.

La taglia extra large dell‘aumento rende pressoché scontato nuovi ingressi anche in ragione del forte sconto previsto.

Ma per ora l‘unica novità ufficializzata è quella del fondo Usa Capital Research and Management al 2,5% dal 12 gennaio nell‘ambito dell‘attività di gestione discrezionale del risparmio.

(Gianluca Semeraro, Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Luigi Maramotti ha esercitato diritti di opzione sull‘aumento di capitale UniCredit per complessivi 49,85 milioni di euro, secondo quanto si legge in tre internal dealing.

Nel dettaglio l‘imprenditore, tenuto a comunicare l‘esercizio dei diritti tramite internal dealing in quanto consigliere della banca, ha esercitato diritti a titolo personale per 2,96 milioni, e tramite le finanziarie International Fashion Trading e Cofimar rispettivamente per 38,4 milioni e 8,5 milioni.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below