9 gennaio 2017 / 12:16 / tra 8 mesi

PUNTO 1-Italia, debito Target2 dicembre scende a 356,559 mld -Bankitalia

* A dicembre primo calo Target2 da febbraio

* In intero 2016 Target2 aumentato di oltre 100 miliardi

* Da ottobre sostanziale stabilizzazione indicatore (aggiunge dettagli, commenti)

MILANO, 9 gennaio (Reuters) - Scende leggermente in dicembre, dal massimo storico del mese precedente, il debito Target2 dell‘Italia.

Secondo i dati mensili sugli aggregati di bilancio di Bankitalia, a fine dicembre le passività del Paese sul sistema di pagamento dell‘Eurosistema risultavano pari a 356,559 miliardi di euro, rispetto al record di 358,612 miliardi registrato in novembre: si tratta del primo dato in calo da febbraio dell‘anno scorso.

STABILIZZAZIONE

“C‘è una sostanziale stabilizzazione, a partire da ottobre” commenta l‘economista di Unicredit Loredana Federico, sottolineando che il dato odierno è positivo alla luce del fatto che in dicembre il Tesoro ha cancellato le aste a medio lungo di metà mese e la Bce ha tenuto un finanziamento Tltro2, entrambi fattori tecnici che spingono verso un peggioramento del saldo.

“Tra agosto e settembre, quando il Target2 è salito in due mesi di oltre 60 miliardi, c‘è stato effettivamente un deflusso genuino di capitali” prosegue l‘economista, aggiungendo che per il resto anche gli ultimi dati di bilancia dei pagamenti (a ottobre) confermano quanto già ipotizzato, ovvero principalmente un‘uscita dei residenti da asset nazionali a favore dei fondi, spesso domiciliati all‘estero, “alla ricerca di rendimenti più elevati”, e in misura minore un‘uscita degli esteri da obbligazioni italiane, “ma non dai titoli di Stato”.

Nel corso del 2016 il debito Target2 dell‘Italia è aumentato complessivamente di quasi 108 miliardi, contro i circa 40 del 2015, superando il picco toccato nella fase più acuta della crisi finanziaria (i 289,320 miliardi dell‘agosto 2012).

PORTAFOGLIO

Nell‘ultimo Rapporto di stabilità finanziaria la stessa Bankitalia ha osservato che l‘aumento del Target 2 nel 2016 è imputabile soprattutto a modifiche nelle scelte di portafoglio delle famiglie e alla minore raccolta all‘estero delle banche italiane. In particolare, si spiega, le famiglie hanno privilegiato fondi comuni e titoli esteri, in sostituzione soprattutto di titoli di Stato con rendimenti ormai molto bassi .

Nell‘ultimo Bollettino economico, di metà ottobre, via Nazionale sottolineava che l‘evoluzione del debito Target2 dell‘Italia è “in larga misura” conseguenza della creazione di liquidità derivante dagli acquisti effettuati da via Nazionale stessa nell‘ambito del programma di Qe.

(Giulio Piovaccari)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below