May 13, 2020 / 6:06 PM / 21 days ago

PUNTO 1-Diasorin, via libera da Canada per test sierologico, raddoppia produzione - Ceo Rosa

(Aggiorna con udienza al Tar)

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Diasorin ha ricevuto il via libera dalle autorità canadesi per la vendita del test sierologico che ricerca la presenza degli anticorpi IgG neutralizzanti in risposta all’infezione da Covid-19, che segue l’ok da parte della Food and Drug Administration statunitense, mentre in Italia la società con base a Saluggia nel Vercellese non fornirà i test per il governo.

E’ quanto ha detto il Ceo del gruppo specializzato nella diagnostica, Carlo Rosa, in una call con gli analisti sui risultati del primo trimestre.

“Sui test sierologici i governi di altri Paesi, come Belgio e Israele, stanno rispondendo bene e la scorsa notte abbiamo avuto il via libera da parte del Canada per il test sierologico e di questo siamo molto orgogliosi. Per quanto riguarda l’Italia il governo ha deciso di prendere un’altra strada e di affidare ad Abbott test sierologici su 150.000 persone. Ci sono molti Paesi dove andremo a fornire questo test, ma non al nostro governo”, ha sottolineato Rosa.

Il manager ha poi aggiunto che l’azienda punterà a incrementare la capacità produttiva di questi test per fare fronte alla crescente domanda, portandoli da 5 a 10 milioni di test al mese.

Infine, per quanto riguarda il test molecolare su piattaforma proprietaria LIAISON MDX, che a partire dal tampone consente l’individuazione del virus entro 1,5 ore contro le 6-8 ore dei sistemi concorrenti, Rosa ha rivisto al rialzo le stime di ricavi incrementali “dai precedenti 5-10 milioni a 10-12 milioni al mese. Ci attendiamo che la capacità salga un po’ e che continui a svilupparsi su base mensile”.

Diasorin ha fornito a oggi 150.000 test sierologici alla Regione Lombardia.

L’azienda lodigiana Technogenetics ha contestato questo affidamento diretto, comunicando di aver fatto ricorso al Tar, presso il quale si è svolta oggi la camera di consiglio su una richiesta di sospensiva. La decisione è prevista domani.

Le procure di Milano e Pavia, secondo quanto riferito da fonti giudiziarie, hanno aperto due fascicoli di indagine “conoscitive”, cioè senza indagati né ipotesi di reato, proprio sull’affidamento diretto con cui la Regione ha incaricato Diasorin dello sviluppo del progetto con l’Ospedale San Matteo di Pavia. (Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below