April 30, 2020 / 12:22 PM / in a month

PUNTO 1-Pil trim1 crolla a minimo da 25 anni per crisi coronavirus

    * Pil -4,7% su trim, -4,8% su anno, meglio di attese
    * Possibile revisione più ampia del solito
    * Crollo Pil anche in Francia e Spagna in trim1
    * 

 (Riscrive con commenti, contesto, dettagli)
    di Antonella Cinelli
    ROMA, 29 aprile (Reuters) - Il Pil italiano nel primo
trimestre dell'anno ha registrato il peggiore calo da circa 25
anni, in linea con quanto accade ad altri Paesi della zona euro
colpiti dalle drammatiche conseguenze del coronavirus.
    Secondo i dati provvisori di Istat nel primo trimestre,
parzialmente segnato dal 'lockdown', il Pil è calato a livello
congiunturale del 4,7% dopo il -0,3% del trimestre precedente.
Si tratta della flessione più ampia da quando la serie storica
ha preso il via nel 1995.
    "La stima è in linea con le attese, ma data la difficoltà di
raccolta dei dati a causa dell'emergenza sono possibili
revisioni maggiori del solito" quando Istat rilascerà il dato
finale il prossimo 29 maggio, avverte Loredana Federico,
economista di UniCredit.
    Le previsioni dei 27 analisti sentiti da Reuters erano per
un calo del 5,0%, e il governo stimava un -5,5%. 
    Su basa annua, il Pil segna -4,8% contro attese pari a
-5,1%, dopo un +0,1% nel quarto trimestre 2019.
    Istat segnala un calo marcato del valore aggiunto esteso a
tutte le attività economiche, particolarmente rilevante per
industria e terziario.
    Secondo Federico nella lettura finale "i servizi vedranno
una contrazione del valore aggiunto maggiore rispetto alla
manifattura, che invece dovrebbe vedere un intensificarsi della
flessione nel secondo trimestre", quando il governo stima un
calo del Pil del 10,5%.
    Federico prevede per il 2020 una contrazione del Pil di
circa il 15%.
    Cala intanto meno del previsto l'occupazione anche grazie ai
provvedimenti del governo, secondo il dato di marzo diffuso
stamani da Istat, che fotografa una disoccupazione ai minimi dal
2011 in conseguenza, però, dalla forte crescita del tasso di
inattività.             
    
    "SHOCK SIMMETRICO"
    "In questo momento l'Italia si muove in linea con gli altri
Paesi, il che testimonia che si tratta di uno shock simmetrico
che colpisce tutti i Paesi dell'area", spiega Federico.
    Stamani anche i dati arrivati da Spagna e Francia per il
primo trimestre hanno fotografato un crollo, in entrambi i casi
più consistente delle attese. Madrid ha registrato un calo
congiunturale del 5,2%, il dato peggiore della serie storica,
             mentre Parigi ha riportato la peggiore contrazione
dalla Seconda guerra mondiale a -5,8%.             
    L'Italia, primo Paese occidentale a sperimentare il
'lockdown' e tra i più colpiti dal virus con oltre 27.000 morti,
è ferma dal 9 marzo e le misure di contenimento inizieranno ad
essere allentate solo dal 4 maggio, quando è prevista la
ripartenza di manifattura e costruzioni. Non sono comunque
esclusi per il futuro 'stop and go' a seconda dell'andamento
della curva epidemiologica.    
    Secondo le nuove stime contenute nel Def, il Pil della terza
economia della zona euro quest'anno calerà dell'8% -- rispetto
al +0,6% che era l'obiettivo a settembre -- senza tenere conto
delle misure di stimolo adottate dal governo per contrastare gli
effetti della crisi. Il deficit/Pil è visto al 10,4%, con un
debito al 155,7%, il livello più alto dalla Seconda guerra
mondiale.             
    L'esecutivo vede però un forte rimbalzo del Pil già nel
terzo trimestre e una crescita significativa nel 2021, ha detto
la scorsa settimana il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri,
             che in occasione del downgrade di Fitch ha ribadito
che i fondamentali dell'Italia sono solidi.             
    In un'intervista pubblicata oggi da MF, il responsabile
della gestione del Debito Davide Iacovoni dice che il debito
italiano è "assolutamente sostenibile".
    Il chief economist di Moody's Analytics Mark Zandi, in
un'intervista al quotidiano La Stampa in edicola oggi, ha detto
di vedere una contrazione del Pil italiano del 9,3% quest'anno.
            

 (Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio)
  
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below