April 30, 2020 / 10:12 AM / a month ago

Istat stima Pil trim1 a -4,7% causa Covid, peggior calo da 25 anni ma meglio di attese

    ROMA, 29 aprile (Reuters) - Secondo i dati provvisori
di Istat nel primo trimestre del 2020, parzialmente segnato dal
'lockdown' causato dal coronavirus, il Pil italiano ha
registrato un calo congiunturale del 4,7% dopo il -0,3% del
trimestre precedente.
    Il dato rappresenta la flessione più ampia mai registrata
nell'ambito della serie storica - che ha preso il via nel 1995 -
ma si pone al di sopra delle previsioni dei 27 analisti sentiti
da Reuters (-5,0%).
    Su basa annua, il Pil nel primo trimestre segna -4,8% contro
attese pari a -5,1%, dopo che nel quarto trimestre 2019 aveva
totalizzato un +0,1%.
    "Il valore aggiunto segna un calo marcato e diffuso a tutte
le attività economiche, particolarmente rilevante per
l'industria e il terziario", spiega l'istituto, precisando che
il primo trimestre ha avuto lo stesso numero di giornate
lavorative rispetto al trimestre precedente e una giornata
lavorativa in più rispetto al primo trimestre del 2019.
    Il Paese è in 'lockdown' dal 9 marzo, e le misure di
contenimento inizieranno ad essere allentate solo dal 4 maggio,
quando è prevista la ripartenza di manifattura e costruzioni.
Non sono comunque esclusi per il futuro 'stop and go' a seconda
dell'andamento della curva epidemiologica.
    Secondo le stime contenute nel Def approvato la scorsa
settimana, il Pil della terza economia della zona euro
quest'anno calerà dell'8% -- rispetto al +0,6% che era
l'obiettivo a settembre -- a politiche invariate, quindi senza
tenere conto delle misure di stimolo adottate dal governo per
contrastare i drammatici effetti del coronavirus. Il deficit/Pil
è visto al 10,4%, con un debito al 155,7%, il livello più alto
dalla Seconda guerra mondiale.             
    Il governo stimava una contrazione del Pil del 5,5% nel
primo trimestre, mentre per aprile-giugno prevede un calo del
10,5%.
    L'esecutivo vede però un forte rimbalzo del Pil già nel
terzo trimestre e una crescita significativa nel 2021, ha detto
la scorsa settimana il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri,
             che in occasione del downgrade di Fitch ha ribadito
che i fondamentali dell'Italia sono solidi.             
    In un'intervista pubblicata oggi da MF, il responsabile
della gestione del Debito Davide Iacovoni dice che il debito è
"assolutamente sostenibile".
    Il chief economist di Moody's Analytics Mark Zandi, in
un'intervista al quotidiano La Stampa in edicola oggi, ha detto
di vedere una contrazione del Pil italiano del 9,3% quest'anno.
            
    L'istituto di statistica segnala che la stima preliminare
del Pil "risente degli ostacoli posti dall'emergenza sanitaria
in corso alla raccolta dei dati di base".   
    
    Istat ha fornito i seguenti dati:

                                   T1 2020   T4 2019   T3 2019  
 trim/trim (%)                      -4,7      -0,3       0,1    
 
 a/a (%)                            -4,8       0,1       0,5
    
    r=rivisto

 (Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio)
  
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below