November 12, 2019 / 10:16 AM / a month ago

Nissan, utili luglio-settembre -70%, taglia outlook intero esercizio

YOKOHAMA, 12 novembre (Reuters) - Nissan Motor ha riportato un calo degli utili del 70% e ha tagliato l’outlook per l’intero esercizio ai minimi degli ultimi 11 anni, penalizzata da vendite in contrazione e dalle conseguenze dell’uscita dell’ex-AD Carlos Ghosn.

L’utile operativo della seconda più grande casa automobilistica giapponese per volume di vendite ha toccato 30 miliardi di yen (274,98 milioni di dollari) nel periodo compreso tra luglio e settembre, rispetto ai 101,2 miliardi di yen registrati nello stesso periodo dello scorso anno.

Il dato, che si confronta con previsioni medie di 47,48 miliardi di yen formulate da nove analisti interpellati da Refinitiv, segna la peggior prestazione nel secondo trimestre in circa 15 anni.

Nissan ha tagliato le stime di utile operativo del 35% a 150 miliardi di yen per l’esercizio che si concluderà a marzo 2020, rispetto a previsioni che davano il dato a 230 miliardi di yen. Le nuove stime indicano che gli utili per l’intero esercizio saranno ai minimi degli ultimi 11 anni.

Un altro trimestre debole della casa automobilistica - colpita dall’arresto di un anno fa di Ghosn per illeciti finanziari - porrà probabilmente ancora più pressione sul nuovo gruppo dirigente Nissan appena nominato, quando prenderà le redini del gruppo il primo dicembre.

In seguito all’estromissione di Ghosn - che ha sempre smentito ogni condotta illecita - Nissan ha risentito di utili in flessione, incertezze sulla propria leadership futura e le tensioni con il maggior azionista Renault.

La casa automobilistica ha annunciato durante le ultime settimane un rinnovamento della propria classe dirigente inserendo manager più giovani e nominando il responsabile delle proprie operazioni in Cina, il cinquantatreenne Makoto Uchida, come nuovo AD.

La casa automobilistica sta mettendo in pratica un piano di rilancio su scala globale, che comporterà un taglio di quasi un decimo del personale e della produzione mondiale di veicoli del 10% entro il 2023 per arginare i costi che sostiene siano lievitati durante la gestione Ghosn.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below