November 11, 2019 / 4:22 PM / a month ago

British Steel, Jingye Group annuncia preliminare acquisto, investirà 1,2 mld stg

PECHINO/LONDRA, 11 novembre (Reuters) - Il produttore di acciaio cinese Jingye Group ha annunciato un accordo preliminare per l’acquisizione di British Steel, promettendo di investire 1,2 miliardi di sterline nei prossimi dieci anni.

L’operazione, con un valore massimo stimato di 70 milioni di sterline, potrebbe salvare migliaia di posti di lavoro in Gran Bretagna e porre fine all’incertezza sul futuro del produttore d’acciaio in cattive acque.

Avrebbe inoltre un significato politico molto forte per il Regno Unito, in vista delle elezioni per il nuovo governo previste per il 12 dicembre. La mancanza di opportunità di lavoro nell’Inghilterra del Nord, dove ha sede British Steel, è anche una questione elettorale, con un crescente divario sociale tra Nord e Sud.

Un accordo per l’acquisizione del secondo più grande produttore di acciaio nel Regno Unito non è ancora stato finalizzato, ha detto a Reuters Jingye Group, dopo le indiscrezioni della BBC su un accordo imminente da 70 milioni di sterline (90 milioni di dollari). Il ministro dell’Industria Andrea Leadsom si è detta ottimista.

Fonti vicine alle trattative affermano che il valore dell’accordo è probabilmente più vicino a 50 milioni di sterline, piuttosto che a 70 milioni.

Un’acquisizione potrebbe porre fine all’incertezza prolungata sul futuro dell’azienda, la quale era stata messa in liquidazione a maggio, dopo che Greybull Capital, che ha acquistato l’azienda da Tata Steel tre anni fa al costo di una sterlina, non è riuscita ad assicurare i fondi necessari per continuare l’operatività.

La sua chiusura avrebbe ripercussioni su 5.000 posti di lavoro a Scunthorpe e su altri 20.000 posti di lavoro nella filiera.

British Steel, che fabbrica prodotti in acciaio ad alto margine usati nell’edilizia e nel settore ferroviario, consentirebbe a Jingye l’accesso all’ampio mercato europeo delle infrastrutture.

Dovrebbe però affrontare grosse sfide, con i produttori d’acciaio europei alle prese con esose tasse ecologiche e con elevati costi energetici, salariali e di beni aziendali.

Il governo del Regno Unito ha concordato di concedere garanzie sui prestiti e altre forme di sostegno finanziario, secondo la BBC.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below