November 6, 2019 / 1:33 PM / a month ago

Alitalia, commissari neutrali tra Delta e Lufthansa, tempo stringe

MILANO, 6 novembre (Reuters) - I commissari straordinari di Alitalia non hanno preferenze tra Delta e Lufthansa come possibile partner industriale per la ex compagnia di bandiera.

Ferrovie dello Stato, capofila del consorzio che sta tentando l’ennesimo salvataggio dell’azienda, sta negoziando con entrambi i vettori esteri e dovrà scegliere uno dei due nelle prossime settimane, anche alla luce del continuo peggioramento dei conti Alitalia.

Del consorzio fanno parte anche Atlantia e il Mef.

“Non abbiamo alcuna preferenza per il partner industriale di Alitalia, siamo imparziali”, ha detto durante un’audizione parlamentare Daniele Discepolo, uno dei tre commissari che attualmente stanno gestendo la compagnia aerea.

Lufthansa ha scritto a Ferrovie e al governo offrendo una partnership commerciale con Alitalia e dicendosi disponibile ad acquisire una quota a determinate condizioni da concordare con gli altri partner.

Il vettore tedesco, tuttavia, non ha indicato finora con precisione quanto sarebbe disposto a pagare e a quali condizioni ma ha solo detto di poter investire più di Delta, che ha messo sul piatto circa 100 milioni.

Secondo una fonte, si tratta di una cifra tra i 150 e i 200 milioni.

Discepolo e gli altri commissari, Enrico Laghi e Stefano Paleari, hanno detto che il nuovo prestito ponte da 400 milioni in arrivo da parte del governo è necessario per mantenere in volo gli aerei di Alitalia fino a quando il salvataggio non sarà completato con successo.

Lo Stato ha già concesso un prestito di 900 milioni e gli analisti calcolano che i contribuenti italiani hanno speso più di 9 miliardi per sostenere Alitalia, in altri due precedenti tentativi, falliti, di salvataggio.

Paleari ha detto che nel primo semestre dell’anno l’Ebitda di Alitalia è stato negativo per 164 milioni, in peggioramento rispetto ai 124 milioni di perdita dello stesso periodo del 2018, in parte a causa dell’aumento del costo del carburante.

Il ministero dello Sviluppo economico ha prorogato al 21 novembre la data per la presentazione delle offerte vincolanti, dopo che la scadenza del 15 ottobre è passata senza un accordo. (Francesca Landini, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below