June 20, 2019 / 3:12 PM / 4 months ago

Mps, avvocato chiede assoluzione Baldassarri. "Troppi 'non ricordo' su Alexandria"

MILANO, 20 giugno (Reuters) - L’avvocato Massimo Montesano, in una arringa difensiva che ha occupato due udienze del processo Mps in corso a Milano, ha chiesto ai giudici di assolvere “senza remore” l’ex responsabile dell’area finanza della banca Gianluca Baldassarri.

Il legale ha sottolineato che del derivato Alexandria, uno degli strumenti finanziari al centro del processo, “tutti sapevano tutto”, compresi gli allora vertici della contabilità della banca. “Io credo che sia stato fatto in modo corretto e che quindi nessuno dovesse essere incriminato”, ma, visto che così non è stato “allora tutti dovrebbero essere incriminati” e ha citato l’allora vicedirettore generale e attuale AD Marco Morelli, l’allora capo dell’amministrazione Daniele Bigi, Andrea Rossi di Kpmg, Guglielmina Onofri di Consob.

“Alexandria è come un virus - ha detto l’avvocato Montesano - tutti quelli che, per qualche motivo professionale ci si avvicinano temono di restarne contagiati e questo spiega i tanti ‘non ricordo’ pronunciati durante questo processo dai testimoni. Ma dai documenti via via emersi e depositati emerge un’altra realtà dei fatti. Per questo il legale ha chiesto ai giudici di valutare le dichiarazioni rese dai quattro testimoni citati.

Riguardo il ruolo del Btp scadenza 2034 che doveva essere la garanzia per il derivato, il difensore di Baldassarri ha precisato che “per Consob l’acquisto dei Btp da Nomura è imprescindibile per la loro scrittura in bilancio”.

“Ma la tesi della procura, in linea con la tesi della Consob, è che l’acquisto non c’è mai stato, perchè Nomura ha venduto a Mps titoli ‘allo scoperto’, ovvero senza averli in portafoglio”, ha ricordato l’avvocato Montesano.

“Ma il cuore della questione è il passaggio del rischio finanziario. E questo c’è stato, quindi a mio parere l’iscrizione dei Btp nel bilancio era possibile, ed è stata correttamente fatta. L’esistenza di un ‘business purpose’ della banca non può essere quindi messa in discussione. Non si può negare la valenza giuridica della vendita allo scoperto solo per negare l’esistenza del ‘business purpose’ della banca”.

Al centro del processo, i cui atti sono stati trasmessi dalla procura di Siena a quella di Milano per competenza nel 2015, ci sono presunte irregolarità in operazioni finanziarie che, dal dicembre 2008 al settembre 2012, sarebbero servite a occultare le perdite causate dall’acquisto di Antonveneta, costata circa 10 miliardi di euro nel 2008. I capi di imputazione vanno dalle false comunicazioni sociali all’aggiotaggio all’ostacolo all’Autorità di vigilanza, cioè a Consob e Bankitalia. Sul banco degli imputati, come detto, ci sono 13 persone — oltre agli ex vertici Mps anche sei ex dirigenti Deutsche Bank e due ex manager di Nomura — e tre società: Nomura e la sede di Londra e la sede centrale di Deutsche. La banca senese uscì dal processo con un patteggiamento nel 2016.

Oggetto del processo, in particolare, sono state le operazioni sui derivati Santorini e Alexandria, sul prestito ibrido Fresh e sulla cartolarizzazione Chianti Classico. Tutte transazioni che, secondo l’accusa, sarebbero state utilizzate per nascondere perdite per oltre 2 miliardi di euro.

Il 16 maggio scorso la procura ha concluso la sua requisitoria presentando le sue richieste di condanna, cui hanno fatto seguito quelle avanzate dalle parti civili. Tutti gli imputati hanno sempre respinto gli addebiti, sostenendo che non ci fu nessun ostacolo alle autorità di vigilanza, perché nulla fu occultato delle operazioni, e nessun trucco contabile, perché i principi contabili su come registrare le operazioni sarebbero stati conformi a quanto prescritto da Bankitalia e Consob.

(Emilio Parodi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below