March 21, 2019 / 2:59 PM / 3 months ago

PUNTO 1-EssilorLuxottica, esplodono tensioni tra Del Vecchio e omologo francese

(Riscrive con posizione Sagnieres)

PARIGI, 21 marzo (Reuters) - Le tensioni ai vertici di EssilorLuxottica sono esplose alla luce del sole dopo che il presidente esecutivo Leonardo Del Vecchio e il vicepresidente esecutivo Hubert Sagnières si sono accusati l’un l’altro di tramare per prendere il controllo del gruppo franco-italiano.

La francese Essilor e l’italiana Luxottica si sono fuse lo scorso ottobre dando vita al maggiore gruppo di ottica al mondo in un’operazione da 54 miliardi di euro.

L’intesa prevede che i due gruppi abbiano ugual peso nella guida della società integrata, ma la governance paritetica mostra ora tutta la sua fragilità.

In un’intervista pubblicata ieri sera da Le Figaro, Leonardo Del Vecchio, fondatore di Luxottica e primo azionista con il 31% di EssilorLuxottica, dice che Hubert Sagnières ascolta solo se stesso senza accettare altre proposte e accusa il manager francese di aver nominato quattro dirigenti chiave provenienti da Essilor senza consultare né lui né il board.

Del Vecchio aggiunge che le sinergie attese dalla fusione, pari a 400-600 milioni, si realizzeranno in cinque anni e non nei tre originariamente indicati.

Poco prima dell’intervista la holding di Del Vecchio Delfin aveva diffuso una nota per segnalare la “violazione dell’accordo di combinazione” con Luxottica da parte di alcuni rappresentanti di Essilor.

Sagnières ha risposto oggi a Del Vecchio con una nota del suo ufficio, in cui denuncia come “gravi e false” le accuse di Delfin e le considera un danno alla società e ai suoi azionisti. “Un certo numero” di azioni portate avanti dal presidente esecutivo, dice la nota, “si traducono di fatto in un tentativo di prendere il controllo del nuovo gruppo, senza premio per gli azionisti”. Sagnières cita in particolare le dichiarazioni fatte a novembre dal fondatore di Luxottica in cui diceva che avrebbe voluto dare alcune deleghe al braccio destro Francesco Milleri rendendolo Ceo di EssilorLuxottica, di cui è già consigliere. Nell’intervista a Le Figaro Del Vecchio spiega che questo era un suo desiderio mai portato in consiglio perché Sagnières non avrebbe accettato.

Il titolo perde a Parigi il 6%. “La situazione sta peggiorando in EssilorLuxottica ed emerge ancora una volta che le ‘fusioni tra eguali’ sono spesso solo un’illusione”, scrive in una nota il broker francese Aurel BGC.

“Le dichiarazioni di guerra interna possono solo danneggiare la società”, commenta Gregoire Laverne, fund manager di Roche Brune Asset Management.

Secondo Jefferies, gli “investitori continuano a riconoscere la logica che sta dietro l’integrazione, ma sono preoccupati delle evidenti distanze tra i due leader del gruppo”.

EssilorLuxottica ha perso circa il 10% dall’inizio dell’anno contro il +15% registrato dall’indice francese CAC-40.

(Sudip Kar-Gupta e Blandine Henault)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below