May 11, 2018 / 10:08 AM / in 3 months

GREGGIO fermo su massimi 3 anni e mezzo, sanzioni Iran pesano su outlook offerta

LONDRA, 11 maggio (Reuters) - I prezzi del greggio si stabilizzano vicino ai massimi di tre anni e mezzo, con la prospettiva di nuove sanzioni Usa all’Iran che incide sulle previsioni di offerta dal Medio Oriente, in un momento in cui la produzione globale sta appena tendendo il passo con la domanda in crescita.

** Gli Stati Uniti intendono reintrodurre le sanzioni contro l’Iran, da cui arriva circa il 4% del petrolio mondiale, dopo la decisione di abbandonare l’accordo raggiunto nel 2015.

** Il mercato globale di greggio è ben bilanciato, grazie agli sforzi guidati da Arabia Saudita — principale esportatore — e Russia — numero uno tra i produttori — per limitare l’offerta e sostenere i prezzi.

** Poco prima delle 12 italiane il contratto sul Brent è invariato a 77,47 dollari al barile. Ieri il derivato ha toccato quota 78 dollari, livello più alto da novembre 2014.

** Il greggio leggero Usa sale di 12 cent a 71,48 dollari dopo il massimo da tre anni e mezzo segnato alla vigilia a quota 71,89.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below