May 9, 2018 / 6:01 PM / a month ago

PUNTO 1-Banco Bpm vede spazi per possibile superamento target piano Npl

(aggiunge dettagli)

di Andrea Mandala

MILANO, 9 maggio (Reuters) - Banco Bpm chiude il primo trimestre con un utile netto di 223 milioni di euro e una posizione patrimoniale solida che consente all’istituto di confermare il nuovo piano di derisking lasciando spazi aperti per un eventuale superaamento dei target.

Lo scorso febbraio Banco Bpm aveva annunciato un piano sugli Npl più aggressivo alzando l’obiettivo di cessioni complessive a circa 13 miliardi al 2020 rispetto agli 8 miliardi previsti nel piano strategico 2016-2019 concordato con la Bce nell’ambito del progetto di fusione.

Una tappa fondamentale è quella che dovrebbe perfezionarsi entro giugno con la cessione di circa 5 miliardi di sofferenze con l’utilizzo della Gacs (progetto Exodus) che porterà l’ammontare delle cessioni dal 2016 a circa 9,5 mld, ovvero oltre il 70% del piano di vendite totali.

In attesa dell’ottenimento dei rating da parte delle agenzie entro maggio, ci sono contatti con 10-15 potenziali acquirenti interessati alla tranche junior e mezzanine, ha spiegato l’AD Giuseppe Castagna nel corso della conference call con gli analisti.

Dopo l’operazione Exodus (i cui effetti contabili sono attesi nel primi semestre) lo stock lordo dei crediti deteriorati scenderà a circa 19,6 mld da 24,6 miliardi di fine marzo. Le sofferenze lorde scenderanno a 10,5 da 15,5 miliardi.

L’AD ha sottolineato la rigorosa politica di coperture, grazie anche alle possibilità offerte dalla prima applicazione dei principio contabile IFRS9 che consente una riduzione importante delle sofferenze nette e di sfruttare ogni opportunità per accelerare e superare gli obiettivi del piano di derisking.

“Le condizioni del mercato e l’interesse degli investitori ci fanno credere che possiamo andare oltre. Siamo in una migliore situazione per sfruttare ogni possibilità”, ha detto Castagna che ha parlato anche di un interesse degli investitori per la piattaforma di gestionene dei crediti deteriorati del gruppo.

A fine trimestre le coperture dei crediti deteriorati lordi salgono da 48,8% di fine dicembre a 53,8%, quelle sulle sofferenze dal 58,9% al 66,4%.

Il costo del credito è pari a 98 bp in diminuzione rispetto al dato dello scorso esercizio pari a 154 bp.

Il Cet1 ratio fully phased pro-forma, considerando l’impatto del nuovo principio contabile Ifrs9 e delle operazioni di capital management già definite, è pari al 12,1%, dice una nota.

Il conto economico del trimestre vede inoltre un margine di interess pari a 529,4 milioni al netto delle riclassificazioni, con una crescita sul dato ‘adjusted’ dell’anno scorso del 2,4%. Le commissioni nette scendono del 7,6%.

.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below