February 12, 2018 / 3:05 PM / in 6 months

Ue chiede a Turchia di evitare provocazioni dopo blocco nave Eni a Cipro

BRUXELLES, 12 febbraio (Reuters) - L’Unione europea ha chiesto alla Turchia di “astenersi da qualsiasi azione che possa danneggiare le relazioni di buon vicinato” dopo che Cipro, membro dell’Ue, ha accusato la marina militare turca di bloccare una nave destinata all’esplorazione di gas.

Cipro è uno dei numerosi stati, come Israele e Libano, in competizione per sfruttare i giacimenti del Mediterraneo orientale.

Le risorse naturali intorno all’isola sono rivendicate dall’autoproclamata Repubblica turca di Cipro Nord, che è riconosciuta solo da Ankara.

Ieri Cipro ha detto che militari turchi hanno bloccato una nave dell’Eni che si stava dirigendo in un’area per fare delle esplorazioni di gas naturale.

“La Turchia deve impegnarsi in modo inequivocabile a relazioni di buon vicinato ed evitare ogni possibile causa di frizione, minaccia o azione diretta contro stati membri”, ha detto il portavoce della Commissione europea. “L’Unione europea sottolinea inoltre la necessità di rispettare la sovranità degli stati membri nel loro territorio, nel loro spazio marittimo e aereo”.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below