February 1, 2018 / 12:56 PM / in 10 months

PUNTO 2-Ferrari, target su Ebitda al 2022 a 2 mld, balzo azioni

(Aggiunge dichiarazioni Marchionne)

MILANO, 1 febbraio (Reuters) - Ferrari annuncia target superiori alle attese al 2022 e un aumento significativo della cedola, mentre il presidente Sergio Marchionne insiste sulla necessità di distribuire la liquidità prodotta dalla società agli azionisti.

Il mix di notizie spinge al rialzo le azioni Ferrari, che chiudono in rialzo del 7,46% a 103,2 euro, con scambi per 2,8 milioni di pezzi da una media giornaliera di 428.000 e promettono di sostenere il prezzo anche nel futuro.

Il gruppo, entro il 2022, prevede di raggiungere un Ebitda adjusted di 2 miliardi, con un free cash flow industriale a 1,2 miliardi. Il debito netto è previsto pari a zero entro il 2021, se si include la distribuzione di dividendi, ma escludendo gli acquisti di azioni proprie.

Ed è sull’ipotesi di buyback che si sono concentrate le domande di alcuni analisti. Il presidente della società non ha dato indicazioni precise, affermando però di essere consapevole che la “liqudità, in una società come la nostra, ha un valore pari a zero. “In qualche modo ce ne libereremo”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda come raggiungere l’obiettivo dei 2 miliardi di Ebitda nel 2022, l’interrogativo è stato quale sarà il mix di volumi e margini.

Sul target, in termini di numero di vetture vendute, Marchionne non ha dato indicazioni, ammettendo che raddoppiare l’Ebitda comporta margini pari al 36%, target che il gruppo si era dato finora, o superiore.

Ferrari prevede inoltre di compensare gli eventuali impatti negativi delle fluttuazioni dei cambi sui conti del gruppo.

“Saremo rispettosi degli impegni che abbiamo preso con i nostri clienti finora, ma dobbiamo convincere i nostri clienti e i nostri concessionari che le fluttuazione del forex non vanno sul conto di Ferrari”, ha detto Marchionne.

La società proporrà un dividendo a 71 cent da 63,5 cent e i risultati 2017 e le attese per il 2018 sono in linea con le previsioni degli analisti.

Per il 2018 gli obiettivi sono: consegne a oltre 9.000 unità, incluse le supercar; ricavi netti a oltre 3,4 miliardi; adjusted Ebitda superiore o uguale a 1,1 miliardi; debito industriale netto inferiore a 400 milioni; spese in conto capitale a circa 550 milioni.

Il 2017 si è chiuso con Ebitda adjusted a 1,036 miliardi, ricavi netti a 3,417 miliardi, consegne a 8.398 veicoli, debito netto industriale a 473 milioni.

Con i risultati del terzo trimestre Ferrari aveva rivisto le previsioni sul 2017: le consegne di auto, incluse le supercar, erano attese a circa 8.400 veicoli; i ricavi netti a circa 3,4 miliardi; l’adjusted Ebitda a circa un miliardo; il debito industriale netto a meno di 500 milioni.

Secondo Philippe Houchois di Jefferies, i dati 2017 sono leggermente migliori e le previsioni 2018 in linea con le attese. Ma le “ambizioni di medio termine sono superiori alle stime di consensus di 1,8 mld nel 2022”, dice una nota.

Per George Galliers di Evercore Isi, gli obiettivi di medio periodo “mettono in ombra, in positivo”, i dati in linea.

(Stefano Rebaudo)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below