August 24, 2017 / 6:57 AM / a year ago

BORSE ASIA-PACIFICO su nonostante Trump, attesa per Jackson Hole

    24 agosto (Reuters) - 
 INDICI                        ORE  8,52    VAR %    CHIUS. 2016
 ASIA-PAC.                     529,95       0,38     426,67
 TOKYO                         19.353,77    -0,42    19.114,37
 HONG KONG                     27.533,38    0,48     22.000,56
 SINGAPORE                     3.268,92     0,27      2.880,76
 TAIWAN                        10.488,96    0,79      9.253,50
 SEUL                          2.375,84     0,40      2.026,46
 SHANGHAI COMP                 3.270,22     -0,53     3.103,64
 SYDNEY                        5.745,50     0,15      5.665,79
 MUMBAI                        31.581,92    0,04     26.626,46
 
    L'indice delle borse dell'area Asia-Pacifico è oggi in rialzo, nonostante i
nuovi timori per la situazione politica negli Usa, dopo che il presidente Donald
Trump ha minacciato di bloccare l'attività del governo e di stracciare il Nafta,
l'accordo sul libero commercio nell'America del Nord.
    L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,52 segna
+0,38% a 529,95 punti. La borsa giapponese ha chiuso invece in calo
dello 0,4%, toccando i livelli più bassi da oltre tre mesi.
    Durante un comizio in Arizona, Trump ha detto che sarebbe disposto a
rischiare il blocco delle attività di governo pur di assicurare i fondi per la
costruzione di un muro al confine con il Messico. Dichiarazioni che giungono in
vista della scadenza di settembre per alzare il tetto dell'indebitamento Usa,
senza il quale si rischia il default. Fitch Rating ha avvertito che se gli Usa
non riuscissero ad alzare per tempo il limite di indebitamento federale, ciò
avrebbe ripercussioni sul rating sovrano del Paese, "con implicazioni
potenzialmente negative".
    "I mercati asiatici hanno ampiamente ignorato le dichiarazioni inattese
sullo 'shutdown' del governo Usa", ha scritto in una nota Jingyi Pan, market
strategist di IG a Singapore. "Ciò detto, eventuali pressioni sulla borsa Usa
potrebbero avere effetti sui mercati regionali e sarebbero da seguire a breve
termine".
    Gli investitori restano intanto in attesa della conferenza delle banche
centrali di Jackson Hole, negli Usa, anche se gli analisti non si aspettano
novità dall'appuntamento. "Siamo inclini a pensare che la conferenza di Jackson
Hole sarà probabilmente deludente, coi banchieri centrali che preferiranno
spiegare le azioni in dettaglio a settembre", scrivono gli analisti di Societe
Generale in una nota.
    ** SYDNEY ha chiuso in lieve rialzo grazie al buon adamento dei
titoli legati alle materie estrattive.
    ** SHANGHAI è in calo, soprattutto a seguito delle prese di profitto
su China Unicom Network Communications, dopo l'entusiasmo per il nuovo piano di
allargamento della presenza dei privati nel capitale dell'azienda. Bene invece i
titoli legati alle materie estrattive. HONG KONG è positiva, grazie
soprattutto al comparto finanziario e a quello dei consumi. Prada
+0,7% circa.
    ** SEUL è in rialzo e scommette sul buono stato di salute
dell'economia sudcoreana, nonotante la crisi tra Usa e Corea del Nord.
    ** TAIWAN ha chiuso in positivo, MUMBAI è piatta, SINGAPORE
 è in rialzo grazie ai titoli finanziari e industriali.
    
     
    Per  una panoramica su mercati e notizie in  lingua italiana  con
quotazioni,  grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box
di Eikon  la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”
    Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below