May 15, 2017 / 2:36 PM / a year ago

A2a guarda ad asset Gas Natural Italia, entro 31/7 progetto fusione a 4 con Acsm-Agam

BRESCIA, 15 maggio (Reuters) - Anche A2A, dopo quanto già annunciato da Italgas, è interessata agli asset di Gas Natural in Italia, qualora dovessero essere messi in vendita dal gruppo spagnolo. Quanto alla fusione a quattro fra Acsm-Agam-Aspem Varese, Lario Reti Holding Lecco e Azienda Energetica Valtellina e Valchiavenna, la definizione del progetto di aggregazione sarà pronto entro fine luglio.

Valerio Camerano, parlando a margine dell’assemblea degli azionisti che ha approvato il bilancio 2016 e il rinnovo dei vertici, ha detto: “A2A punta a crescere nella distribuzione del sia come Pdr serviti sia come Rab gas e, quindi, siamo interessati a valutare possibili opzioni di partecipare alle gare”.

In questo ambito, “in ragione dell’obiettivo che ci siamo posti guarderemo anche a dossier nella distribuzione del gas come Gas Natural, sappiamo che è prossima la partenza della gara”, ha aggiunto Camerano.

La società spagnola ha in Italia circa 450.000 contatori, pari al 2% circa di quota di mercato a livello nazionale, concentrati soprattutto nel Sud e Sicilia per un valore della Rab fra 500 e 600 milioni di euro.

Passando alle trattative in atto per fondere le utility del nord Lombardia, il presidente Giovanni Valotti ha sottolineato che “c’è un adviser unitario e c’è stato un punto di avanzamento questa settimana: si è ragionato molto sulla struttura giuridica dell’operazione, su qual è la procedura migliore per configurare l’operazione stante le normative vigente, Nel’arco di 15 giorni ci sarà un secondo incontro per discutere dei numeri e dei business, quali sinergie e vantaggi realizzabili mettendo in rete queste imprese”.

Secondo Valotti, “l’orizzonte temporale per la definizione del progetto, compreso l’assetto di governace, è il 31 luglio. Dopo sottopporremo agli azionisti il progetto e partiranno valutazioni sull’operazione”.

Top secret su quale sarà la struttura dell’operazione e se Acsm-Agam resterà comunque quotata in Borsa, “questo sarà uno degli esiti del tavolo che è nella prima fase. Non emergono particolari problemi dal punto di vista giuridco procedurale ed è fattibile”, ha concluso.

A2A detiene il 24 di Acsm-Agam, il 90% di Aspem Varese, e il 9,4% di Azienda Energetica Valtellina e Valchiavenna.

Infine, Valotti ha escluso che si posso tornare a parlare di grandi fusioni fra le principali utility italiane, “grandi progetti di fusione non sono all’odg al momento”.

(Giancarlo Navach)

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below