26 luglio 2016 / 18:57 / in un anno

PUNTO 2-Mps al lavoro per aumento di 5 mld euro - fonte

(specifica ruolo adviser)

MILANO, 26 luglio (Reuters) - Mps e i suoi adviser hanno proposto alla Bce un piano che prevede, accanto alla maxi cessione di Npl netti per 10 miliardi di euro, un aumento di capitale per 5 miliardi di euro.

Lo riferisce una fonte a conoscenza della situazione, precisando che la banca, assieme agli adviser per il piano Mediobanca e JP Morgan (mentre Citi e Ubs sono adviser per m&a), sta lavorando alla formazione di un consorzio di garanzia per la ricapitalizzazione. “Si spera per venerdì di giungere almeno a un preconsorzio”, spiega la fonte.

L‘aumento di capitale seguirebbe la cessione ad Atlante, o a un nuovo veicolo Atlante 2, degli Npl.

Secondo una seconda fonte vicina alla situazione, non sarebbe prevista una garanzia pubblica all‘aumento, nel tentativo di arrivare per la banca senese a una soluzione di mercato. Argomento, quest‘ultino, oggetto di lunghe discussioni fra Roma e la Commissione europea.

Sul piano deve ancora giungere il via libera della Bce che la banca spera possa arrivare entro venerdì, quando saranno resi noti i risultati degli stress test.

Nessun commento da Mps, dagli adviser e dalla Bce.

Da quel che riferisce una terza fonte, sono ancora in corso in queste ore negoziati con Bce e Ue su alcuni aspetti del piano. Dalla Bce in particolare, si cerca di capire se verrà richiesta una revisione dei modelli interni che Bce considerebbe non adeguati una volta vista la perdita legata alla cessione delle sofferenze.

Una ricapitalizzazione da 5 miliardi dovrebbe comunque essere sufficiente a compensare anche il possibile shorfall derivante dalla revisione dei modelli interni.

La cessione delle sofferenze ad Atlante potrebbe infatti avvenire secondo la fonte a un prezzo attorno al 30% del valore facciale (rispetto a un valore di carico al 36,7%) per una perdita di circa 2 miliardi di euro.

Una volta liberato dalla sofferenze, per Mps potrebbe aprirsi la via per una aggregazione, per cui, nonostante smentite quasi quotidiane, la stampa continua a fare il nome di Ubi Banca.

(Paola Arosio)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below