15 aprile 2014 / 10:18 / tra 4 anni

Maserati guarda a Porsche con design italiano, motori derivazione Ferrari

* Porsche un modello da raggiungere

* Maserati punta su design italiano e motori derivazione Ferrari

* Cautela degli analisti sui target per forte competizione

* Vista condivisione piattaforme con Alfa Romeo

MILANO, 15 aprile (Reuters) - Fiat Chrysler Automobiles (Fca) vuole che Maserati diventi per il gruppo italiano quello che Porsche rappresenta per Volkswagen , una formidabile fonte di profitti, che sia meno vulnerabile alle fluttuazioni dell‘economia rispetto ai marchi di massa.

Non si tratta di un percorso facile, ne tantomeno breve, considerando che lo scorso anno il marchio ha venduto 15.400 veicoli, con una gamma ancora incompleta, ma ben lontano dai 160.000 di Porsche.

Il produttore luxury tedesco ha un margine operativo del 18% rispetto al 10% medio del settore, ha contribuito a meno del 2% delle vendite del gruppo nel 2013, ma per circa il 22% in termini di utile operativo. Il trading profit di Maserati è stato pari al 5% del totale, le vendite il 2%.

Fiat-Chrysler punta su design italiano e una famiglia di motori di derivazione Ferrari.

Il motore destinato alle Maserati, sei cilindri ingegnerizzato da tecnici Ferrari e Maserati per Maserati è prodotto a Maranello, anche se su una linea distinta dal resto dello stabilimento e con criteri diversi rispetto a quelli dei motori Ferrari.

“Sicuramente oggi per Maserati, Porsche è un riferimento, perché Porsche più di ogni altro luxury ha sperimentato la via di allargare la gamma e renderla più accessibile, cavalcando anche il trend dei Suv”, dice Pietro Boggia, consultant automotive di Frost & Sullivan.

“Maserati ha spazio in questa direzione, diventando più accessibile e cercando quindi un cliente più giovane. Non deve però andare troppo verso il basso, perché rischia di svilire il marchio”, aggiunge Boggia.

I manager di Porsche hanno dovuto affrontare questa trasformazione diversi anni fa, quando hanno aggiunto un modello più economico alla 911.

Il successo del modello Boxster ha dato al gruppo tedesco la fiducia per realizzare la Cayenne e ora la Macan, versione economica del Suv.

Secondo un analista, per ora, Maserati non sfida Porsche, ha una gamma di prodotto diversa. La situazione è destinata a cambiare con l‘introduzione del Suv, la cui produzione dovrebbe partire nel 2015 e probabilmente con i nuovi modelli.

CAUTELA SU TARGET MASERATI

“Porsche é riuscita a preservare il Dna del marchio che offre a loro un potere speciale sul fronte dei prezzi”, dice Stefan Bratzel, responsabile del centro ricerche Center of Automotive Management a Colonia.

Alcuni analisti sono scettici sulla possibilità di Maserati di raggiungere gli obiettivi, mentre Boggia definisce le previsioni della società “ambiziose ma raggiungibili”.

“E’ un mercato estremamente difficile, sono arrivati tardi alla festa”, dice Tom Urquhart, analista Ihs, molto cauto sui target a causa della forte competizione sui marchi di lusso.

Di sicuro la domanda crescente per veicoli che siano anche uno status symbol, soprattutto nei Paesi emergenti, aiuterà le vendite Maserati, che però dovrà competere con BMW, Mercedes, Audi e Porsche.

Al salone dell‘auto di Ginevra è stato presentato il prototipo dell‘Alfieri, una sportiva a due posti, che Marchionne ha definito “un‘indicazione delle cose che verranno”.

I dettagli sulle nuove strategie, incluse quelle per Maserati e Alfa, sono attese con il nuovo piano industriale del gruppo, che verrà presentato a maggio.

CONDIVISIONE PIATTAFORME CON ALFA ROMEO

Maserati potrà beneficiare di economie di scala legate al gruppo cui appartiene e soprattutto condividere piattaforme con Alfa Romeo, di cui Fiat-Chrysler dovrebbe tentare nuovamente il rilancio con nuovi modelli nel settore premium.

Fiat ha investito circa 1,5 miliardi di euro per rilanciare l‘impianto della ex-Bertone, ora Officine Maserati, che lavora su due turni a piena capacità, e ha annunciato un miliardo di investimenti per Mirafiori, dove dal 2015 dovrebbe partire la produzione del Suv.

Per Mirafiori, fonti di settore, parlano di un nuovo modello da realizzare sulla stessa piattaforma del Suv Maserati, che potrebbe essere un Suv o un‘ammiraglia Alfa Romeo.

(Stefano Rebaudo e Agnieszka Flak)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia and

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below