19 febbraio 2014 / 12:07 / 4 anni fa

Borsa Milano in calo con Europa, bene energia, affonda Tenaris

MILANO, 19 febbraio (Reuters) - Piazza Affari prosegue debole in linea al resto d‘Europa con volumi fiacchi in un mercato che non riesce a trovare decisi spunti direzionali.

“Mi sembra un‘altra giornata interlocutoria. Il mercato è in fase laterale, senza direzione”, dice un trader.

Qualche indicazione potrebbe arrivare dai dati macro Usa del primo pomeriggio soprattutto quelli relativi all‘apertura dei nuovi cantieri e ai permessi edilizi anche se l‘appuntamento più atteso è quello della pubblicazione dei verbali dell‘ultima riunione della Fed, atteso in serata.

Sul fronte geopolitico il mercato segue con apprensione gli scontri in Ucraina anche se al momento non sembra esserci un effetto contagio sui mercati azionari e obbligazionari.

Intorno alle 12,50 l‘indice FTSE Mib cede lo 0,66%, l‘Allshare lo 0,58%. L‘indice benchmark europeo FTSEurofirst 300 perde lo 0,47%

Volumi poco sopra il miliardo di euro di controvalore.

In cima al listino principale A2A resta forte (+2%) dopo la pubblicazione dei risultati preliminari 2013.

ANSALDO STS guadagna l‘1% sulla scia delle indiscrezioni attorno alle trattative tra la controllante FINMECCANICA e GE per il riassetto delle attività sia di Ansaldo Breda che di Ansaldo Sts.

La possibilità che General Electric rilevi Ansaldo Sts e le attività migliori di Breda sono giudicate realistiche da un broker italiano in quanto il gruppo Usa avrebbe dei vantaggi dall‘operazione.

Al contrario, gli analisti si dicono scettici sula possibilità ipotizzata dalla stampa che la norvegese Subsea 7 possa acquisire un pacchetto rilevante di SAIPEM che rimane tuttavia tra i migliori titoli dell‘indice principale di Piazza Affari con un +1% circa.

“Dal punto di vista speculativo, la notizia aggiunge appeal al titolo nel breve periodo”, commenta ICBPI in una nota.

Positivo il settore delle utility che beneficia anche dell‘innalzamento dell‘outlook a “stabile” da “negativo” da parte di Moody’s per alcune società - tra cui TERNA (+0,38%), SNAM (+0,25%) ACEA (+1,64%) - in connessione con il miglioramento dell‘outlook sull‘Italia.

Scarso invece l‘impatto sul comparto bancario dell‘analogo miglioramento dell‘outlook su sette banche, comunicato sempre da Moody‘s. “E’ scontato quando migliora l‘outlook sull‘Italia e la notizia mi sembra pertanto neutrale”, commenta un trader.

In leggero terreno positivo INTESA SANPAOLO, mentre UNICREDIT cede il 2%. MEDIOBANCA (-0,75%)prima azzera le perdite ma poi torna in terreno negativo dopo i risultati semestrali

In fondo al listino scivola TENARIS (-5,6%) affossata, secondo quanto riferiscono gli operatori, da un pronunciamento non favorevole del dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sull‘imposizione dei dazi dai produttori coreani e ad altri paesi.

Tra i titoli minori proseguono le prese di profitto su BIALETTI (-8,8%) dopo la recente corsa del titolo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below