February 26, 2020 / 3:55 PM / in 6 months

Ue aperta ad aumento spesa in paesi colpiti da epidemia coronavirus

BRUXELLES, 26 febbraio (Reuters) - L’Italia e gli altri paesi della zona euro colpiti dall’epidemia di coronavirus dovrebbero beneficiare di deroghe alle norme di bilancio Ue che consentirà loro di aumentare la spesa per far fronte all’emergenza.

Lo ha detto oggi il Commissario economico del blocco, Paolo Gentiloni.

L’epidemia, emersa prima in Cina, è divampata in Italia settentrionale settimana scorsa, alimentando i timori di ripercussioni superiori alle aspettative per l’economia europea e mondiale.

In base alle norme Ue, gli stati membri con un debito elevato come l’Italia sono tenuti a mantenere un tetto alla spesa e a ridurre il debito.

Ma consentono anche “clausole di flessibilità legate a cosiddette circostanze eccezionali”, ha detto Gentiloni in una conferenza stampa, rispondendo a domande sui possibili margini sulla spesa che Bruxelles potrebbe concedere all’Italia per far fronte all’epidemia.

Anche se la maggior parte degli economisti prevede una rapida ripresa dell’economia prima dell’estate, quando la virulenza del coronavirus dovrebbe attenuarsi, la possibilità di aumentare la spesa nei paesi maggiormente colpiti dal virus è vista come cruciale per superare la fase più acuta della crisi.

Gentiloni ha detto che le trattative con i paesi interessati avranno luogo nei prossimi mesi per capire a quali condizioni potranno usare la flessibilità di bilancio. L’Italia già in passato ha beneficiato di deroghe Ue per far fronte ai costi della ricostruzione a seguito di terremoti.

Un aumento della spesa è vista come più probabile rispetto alle chance di ulteriori misure di stimolo monetario da parte della Banca Centrale Europea.

Gentiloni ha detto che è ancora troppo presto per valutare appieno l’impatto economico dell’epidemia, ma ha ammesso che c’è già stata “una parziale materializzazione” dei rischi al ribasso posti dall’epidemia.

“Continuiamo ad aspettarci che questo non si traduca in una risposta della Bce, principalmente perché sarà visto come uno shock temporaneo a cui non si può dare una risposta adeguata con la politica monetaria” ha scritto oggi in una nota la banca J.P. Morgan. “Diversamente ci si concentrerà sulla politica fiscale per offrire un sostegno mirato”.

L’Ue ha ripetuto più volte che l’economia del blocco beneficerebbe di una maggiore spesa in Germania e in altri paesi con grandi risparmi.

Questo potrebbe colmare un divario d’investimento presente da lungo tempo, aiutando a contrastare una decelerazione prevista ancor prima dell’epidemia di coronavirus in Italia, la terza maggiore potenza economica del blocco nella zona euro.

Timorosi di una recessione a livello domestico, la Germania ha accettato questo mese, per la prima volta in anni, un aumento della spesa a livello della zona euro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below