October 17, 2019 / 1:25 PM / 2 months ago

Mps, ulteriore de-risking cruciale per eventuale upgrade - Fitch

MILANO, 17 ottobre (Reuters) - Un’ulteriore riduzione degli Npl di Mps senza un significativo impatto sul capitale è cruciale per la valutazione del rating dell’istituto senese e per un suo eventuale upgrade.

E’ quanto afferma Fitch in una nota in cui ricorda le indiscrezioni stampa secondo le quali il Tesoro, azionista di Mps con il 68%, sta discutendo con la Commissione europea un piano per deconsolidare una parte consistente dei crediti deteriorati della banca.

Da inizio 2018 Mps ha ridotto in modo significato l’ammontare degli Npl, principalmente attraverso dismissioni ma ha ancora in pancia 13,9 miliardi di deteriorati a fine giugno, spiega l’agenzia di rating.

“Una pulizia di bilancio più approfondita potrebbe essere un passo decisivo verso la prevista cessione da parte del Ministero delle finanze della sua partecipazione in Mps entro la fine del 2021”, dice Fitch.

In base agli impegni presi con la ricapitalizzazione precauzionale del 2017 il Tesoro deve dire entro fine anno alla Ue come intende uscire dal capitale di Mps entro il 2021.

Il piano di derisking, sempre secondo le indiscrezioni, si realizzerebbe attraverso una scissione dei deteriorati a favore di Amco, la ex Sga, società 100% del Tesoro che gestisce crediti problematici.

Dato il coinvolgimento dello Stato italiano sia in Mps che in Amco, la Commissione Ue autorizzerebbe un’operazione di questo tipo solamente se conforme alla normativa europee in materia di aiuti di Stato, sottolinea Fitch.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below