March 7, 2019 / 4:07 PM / 3 months ago

SINTESI - Bce pessimista su crescita e inflazione, nuovi fondi Tltro per banche

MILANO, 7 marzo (Reuters) - Vede decisamente più nero sul futuro di crescita e inflazione la Banca centrale europea, che giudica remota l’ipotesi di una recessione a livello di zona euro ma è evidentemente e saggiamente preoccupata, per lo meno in un orizzonte di breve termine.

In risposta a un deterioramento dello scenario macro che la Bce mette in relazione principalmente a fattori esogeni, l’intervento di Francoforte avviene su due fronti: un ritocco della guidance sui tassi e un nuovo giro di finanziamenti agevolati a disposizione delle banche, che devono far fronte al ‘collo di bottiglia’ dei rimborsi dei fondi Tltro.

A giudicare dall’aggiornamento delle stime trimestrali dello staff non ripartiranno quest’anno né l’economia né il costo della vita: rispetto alle attese di dicembre la proiezione sulla crescita 2019 passa da 1,7% a 1,1%, quella sull’inflazione da 1,6% a 1,2%.

Meno drastica ma comunque significativa la revisione al ribasso delle attese per l’anno prossimo e quello successivo.

Da mettere in evidenza, spiega Mario Draghi alla stampa, che a dispetto delle nuove proiezioni decisamente più fosche la valutazione sui rischi rimane sbilanciata al ribasso, evento che il presidente stesso definisce “inusuale”.

Venendo alle misure pratiche, dal lato degli strumenti di politica monetaria la nuova ‘guidance’ indica tassi invariati — sia il rifinanziamento principale a zero, sia i depositi marginali a -0,4% — per lo meno fino a fine anno e sul fronte delle misure ‘non standard’ una nuova tornata di operazioni Tltro.

I finanziamenti — battezzati Tltro-III — avverranno su base trimestrale a partire da settembre e proseguiranno fino a marzo 2021. Diversamente dalle ultime operazioni, i fondi avranno scadenza due anziché quattro anni.

Varate dal consiglio con voto unanime, le due misure di congelamento dei tassi e nuove Tltro mirano a traghettare la zona euro — in particolare naturalmente le banche — fuori dal pantano creato dalla fitta commistione di bassa crescita e bassa inflazione.

Dopo un’iniziale accoglienza calorosa, borse e secondario cambiano apparentemente idea e bocciano l’iniziativa Bce a sostegno alla liquidità, considerando che i nuovi fondi saranno meno agevolati dei precedenti in termini di tasso e durata.

“Draghi colpisce ancora e sorprende con un pacchetto che va ben oltre le attese” chiude una nota flash dell’ufficio studi Intesa Sanpaolo a cura di Annamaria Grimaldi.

“Basterà a consolidare una fase di crescita ancora debole e soprattutto a riportare l’inflazione verso il target? Il futuro della politica monetaria dopo Draghi non è banale”.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below