May 31, 2018 / 2:28 PM / 3 months ago

PUNTO 1-OVS, partecipata Sempione Fashion in procedura concorsuale

(aggiunge commenti società e analista, background)

di Elisa Anzolin

MILANO, 31 maggio (Reuters) - La partecipata di Ovs Sempione Fashion AG è stata ammessa alla procedura concorsuale in Svizzera, con un costo potenziale per la società di abbigliamento italiana di circa 18 milioni di euro, che si andrebbero a raggiungere alle svalutazioni per 35 milioni già annunciate ad aprile. Resta invece sotto osservazione la situazione in Germania, Austria e Slovenia.

Sempione Fashion AG (ex Charles Vogele), controllata da Sempione Retail di cui OVS ha il 35%, avrebbe dovuto contribuire ad accelerare la crescita internazionale del gruppo guidato da Stefano Beraldo, attraverso la conversione dei negozi del retailer svizzero.

La società, come si legge in una nota, si è però trovata a richiedere l’ammissione alla procedura concorsuale provvisoria, che le dà la possibilità di proseguire l’attività per massimi quattro mesi con l’obiettivo di risolvere lo stato di crisi.

Se non ci riuscisse, la società potrebbe essere liquidata anche nel contesto di una procedura di fallimento.

In questo caso, OVS dovrebbe svalutare i crediti verso la società maturati a partire da febbraio 2018 per circa 14 milioni, a cui si aggiungerebbero fino a 4,4 milioni legati agli accordi di consignment.

A questo si aggiungono costi, stimati in circa 3 milioni, legati alle spese legali, spiegano dalla società.

Il titolo OVS non ha sostanzialmente reagito alla notizia. Secondo un analista, le difficoltà legate a Sempione Fashion sono già state scontate dal mercato.

Lo scorso aprile la società aveva infatti reso noto la svalutazione della sua partecipazione in Sempione Retail e anche dei relativi crediti, per un impatto complessivo di circa 35 milioni sul conto economico 2017 (l’esercizio si chiude al 31 gennaio). Il 19 aprile il titolo aveva perso in una sola giornata il 32% circa. Nelle ultime due settimane, anche in concomitanza alle recenti tensioni politiche, il titolo ha perso un ulteriore 17% circa e oggi tratta intorno a 3,04 euro.

OCCHI PUNTATI SUGLI ALTRI PAESI DELL’EUROPA CENTRALE

Con la holding in procedura concorsuale, restano le incognite sulle società in Austria e Slovenia, sui crediti verso la Germania e sul magazzino in Austria.

“Non si può escludere - spiega OVS nel comunicato odierno - che anche le altre società del gruppo che fanno capo a Sempione Fashion possano subire un progressivo peggioramento della propria situazione finanziaria, comportando una possibile ulteriore svalutazione dei crediti vantati da OVS nei loro confronti” per un ammontare complessivo di 2 milioni (1 milione relativo a Charles Vögele Austria e 1 milione alla società operativa in Slovenia).

OVS vanta inoltre crediti per circa 23 milioni nei confronti di Charles Vogele Deutschland, ceduta il 20 aprile scorso. “Allo stato OVS non ha ragione di ritenere che non siano largamente recuperabili”, si spiega nella nota.

C’è poi la questione del magazzino in consignment in Austria.

“L’unico magazzino eventualmente a rischio è quello in Austria con il meccanismo del consignment, con 16 milioni di nostra merce (...) ma abbiamo delle tutele legali e quindi potremmo eventualmente andare a ritirarla. Non abbiamo idea oggi di quanto di questa merce sia a rischio, dobbiamo quindi vedere l’evoluzione anche di questo mese. Ma il business in Austria sta andando avanti”, spiega un portavoce della società interpellato da Reuters.

DA PERNO DELLA STRATEGIA DI ESPANSIONE ALLA CRISI

L’acquisizione di Charles Vogele un anno e mezzo fa era stata presentata come un acceleratore della strategia di espansione internazionale di Ovs, in particolare in Svizzera, Austria, Slovenia e Ungheria, attraverso un piano di conversione dei negozi.

A settembre 2016 la società aveva annunciato l’acquisto per 14,1 milioni di franchi del 35% di Sempione Retail, che ha poi lanciato un’offerta pubblica per l’acquisizione della totalità delle azioni del retailer svizzero Charles Voegele.

Dai toni entusiastici con cui meno di un anno fa si parlava dell’operazione si è passati alla richiesta di una procedura concorsuale.

Un portavoce ricostruisce la parabola del piano di espansione di OVS. La società la scorsa primavera aveva convertito cinque negozi, con buoni risultati, e sulla scia di questo esperimento Sempione ha deciso di realizzare ulteriori conversioni fino a raggiungere 140 negozi.

“Purtroppo si è entrati in una fase di mercato e situazione metereologica molto difficile (..) nell’autunno e ancor più nell’inverno le performance dei negozi convertiti sono state molto deludenti”, spiega un portavoce. “Sono state fatte ricerche e analisi, ci si è resi conto che il nostro merchandising invernale non era adeguato al cliente svizzero (...). In questo contesto abbiamo deciso di concentrarci sull’estate e atteso di capire l’andamento di marzo e di aprile, ma anche in questo caso le performance sono state deludenti”.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below