May 24, 2018 / 6:27 AM / 7 months ago

BORSE ASIA-PACIFICO recuperano dopo minaccia Usa per dazi auto

 INDICI                      ORE  8,19    VAR %    CHIUS. 2017
 ASIA-PAC.                   564,57       0,09     569,62
 TOKYO                       22.437,01    -1,11    22.764,94
 HONG KONG                   30.630,11    -0,12    29.919,15
 SINGAPORE                   3.506,78     0,30      3.402,92
 TAIWAN                      10.936,93    0,47     10.642,86
 SEUL                        2.465,22     -0,27    2.467,49
 SHANGHAI COMP               3.160,25     -0,28    3.307,17
 SYDNEY                      6.037,10     0,08     6.065,10
 MUMBAI                      34.509,42    0,48     34.056,83
 
    24 maggio (Reuters) - L'azionario dell'area Asia-Pacifico ha recuperato ed è
lievemente positivo dopo una seduta in gran parte in calo, a causa di
un'indagine nazionale sulla sicurezza nelle importazioni di auto lanciata dagli
Usa che potrebbe portare all'imposizione di nuovi dazi. Intanto, le
dichiarazioni del presidente Donald Trump indicano una nuova battuta d'arresto
nelle relazioni commerciali con la Cina.
    L'indice MSCI guadagna lo 0,09% mentre TOKYO ha
chiuso in calo. L'indice MSCI del settore auto e componenti
perde oltre l'1%.
    Ieri il Dipartimento al Commercio Usa ha annunciato l'apertura di
un'indagine sull'import di auto e camion sulla base del Section 232 del Trade
Expansion Act del 1962, una mossa che potrebbe condurre all'imposizione di nuovi
dazi come quelli già decisi a marzo su acciaio e alluminio.
    E rinfocolando nuovi timori, sempre ieri, Trump ha chiesto "una struttura
differente" in un eventuale accordo sul commercio con la Cina, alimentando
l'incertezza sui negoziati. Oggi, il ministero cinese del Commercio ha detto di
non essersi impegnato a ridurre il surplus commerciale con gli Usa di una certa
entità, e che spera che gli Usa applichino al più presto le misure promesse nel
negoziato.
    Trump ha anche messo in dubbio il vertice con la Corea del Nord, spiegando
che la settimana prossima saprà se la data già fissata per giugno sarà
confermata.
    Intanto, il dollaro è ancora in calo sullo yen ed è in ribasso anche il
petrolio.
    I timori sul commercio, sui possibili dazi e sulla situazione internazionale
hanno messo parzialmente in ombra i dati positivi sull'economia giapponese, con
la manifattura in rialzo dopo quattro mesi, e quella sudcoreana, dove risulta
confemata la crescita del 3% del Pil su base annua.
    SHANGHAI e HONG KONG sono entrambe in calo per i timori sul
commercio internazionale. Prada in controtendenza, guadagna l'1,75%.
    Anche SEUL è in perdita, mentre la banca centrale ha lasciato
invariati i tassi e l'inflazione resta sotto gli obiettivi. In forte perdita i
titoli del comparto auto.
    SINGAPORE è in rialzo di oltre lo 0,3%, grazie ai titoli industriali
e alle banche, e anche TAIWAN e MUMBAI sono in aumento.
    SYDNEY ha chiuso piatta.
    
         
Per  una panoramica su mercati e notizie in  lingua italiana  con quotazioni, 
grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon  la
parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia
     
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below