May 14, 2018 / 3:57 PM / 3 months ago

PUNTO 1-Btp Italia maggio 2026, ordini retail 2,306 mld in primo giorno offerta

(Aggiorna con ordini, dettagli, contesto)

MILANO, 14 maggio (Reuters) - Si è conclusa con ordini per 2,306 miliardi di euro la prima giornata di collocamento riservata agli investitori retail del nuovo Btp Italia maggio 2026, con una domanda che si è rivelata per ora in linea con quella della precedente edizione, risalente a novembre.

L’offerta proseguirà nella giornata di domani e di mercoledì 16 maggio, fatta salva la facoltà del Tesoro di concludere anticipatamente l’emissione dopo due giorni. La mattinata di giovedì 17 maggio si aprirà la finestra riservata agli istituzionali, con possibile assegnazione tramite riparto.

Lo scorso autunno, quando venne emesso il Btp Italia novembre 2023, cedola 0,25%, dagli investitori retail giunsero ordini complessivi per circa 3,8 miliardi, cui si aggiunsero 3,35 miliardi dagli istituzionali, per un importo complessivo di 7,107 miliardi. Nella prima giornata di offerta i risparmiatori avevano sottoscritto un importo di 2,19 miliardi.

Un dealer di una banca italiana si aspetta che l’emissione in corso rifletta, per importo finale e suddivisione tra retail e istituzionali, le proporzioni dell’ultimo deal.

Se così fosse, si tratterebbe di un risultato tutto sommato soddisfacente considerando che, a differenza di novembre — quando la domanda complessiva beneficiò di una scadenza ‘monstre’ di 18,1 miliardi del Btp Italia emesso quattro anni prima — a questo giro, non ci sono rimborsi dei vecchi titoli a supporto.

A fronte di una cedola minima più alta della precedente ma tutt’altro che generosa (0,40%) e di una durata più lunga (8 anni contro 6), un potenziale elemento di appeal del Btp Italia, si legge in una nota degli strategist di UniCredit, banca incaricata con Monte dei Paschi di gestire l’emissione per conto del Tesoro, è la minore reattività nelle fasi di sell-off (o di rally) del mercato.

“In questo senso, i Btp Italia sono un buono strumento per mitigare il rischio di un possibile aumento della volatilità per gli investitori che ritengano i prezzi dei Btp siano alti”, si legge sempre nella nota di UniCredit.

Elemento quest’ultimo da non sottovalutare, alla luce della fase di incertezza che sta vivendo la politica italiana in attesa di conoscere l’esito dei negoziati tra Movimento Cinque Stelle e Lega sulla formazione di un governo, il cui programma di politica economica rappresenta un’incognita per i conti pubblici e potrebbe portare qualche pressione sul debito.

Sempre secondo UniCredit, anche nelle previsioni più conservative per l’inflazione italiana dopo il 2019, i Btp Italia dovrebbero offrire un guadagno complessivo superiore a quello dei Btp nominali, e con un ‘rischio duration’ inferiore.

Il Tesoro nelle linee guida di gestione del debito pubblico si era impegnato a effettuare almeno un’emissione di Btp Italia quest’anno. Quella in corso potrebbe essere dunque l’unica del 2018.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia”

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below