August 1, 2017 / 3:53 PM / a year ago

Banco Bpm/Anima puntano accordo entro settimana su Aletti Gestielle -fonti

di Andrea Mandala e Maria Pia Quaglia

MILANO, 1 agosto (Reuters) - Banco Bpm e Anima puntano a chiudere a giorni, entro la fine della settimana, l’accordo per la cessione a quest’ultima di Aletti Gestielle nell’ambito delle azioni di ottimizzazione delle fabbriche prodotto del gruppo nato dalla fusione tra Bpm e Banco Popolare.

Lo dicono tre fonti vicine alla situazione sottolineando che le trattative sono serrate e ancora nulla è stato deciso.

Per le fonti Anima sarebbe l’unica rimasta in gara per l’Sgr ex controllata del Banco Popolare dopo che Azimut si è sfilata dal tavolo delle trattative e l’obiettivo sarebbe quello di arrivare a formulare un’offerta al Cda di Banco Bpm convocato venerdì prossimo per la semestrale.

L’interesse mostrato da alcuni fondi per l’asset manager non si sarebbe poi concretizzato, aggiungono le fonti.

“Si punta a chiudere a giorni”, dice una delle fonti.

“L’obiettivo di tutti è di chiudere un accordo ma non è detto che si riesca”, dice una seconda fonte che non esclude che Anima possa tenere un Cda per formalizzare un’offerta per Aletti lo stesso giorno del consiglio sui conti di Banco Bpm.

Quanto alle valutazioni, oggetto di intense trattative tra le parti, nei mesi scorsi una fonte indicava un prezzo di circa 600-700 milioni, ma che potrebbe variare a seconda degli accordi di distribuzione che saranno definiti.

In particolare è possibile che l’accordo di distribuzione tra Anima e Banco Bpm, che attualmente scade nel 2030, possa essere prolungato fino al 2040, secondo una fonte.

Banco Bpm è socio di Anima con il 14,7% circa.

Tra i broker, generalmente positivi sull’operazione, Intermonte valuta Aletti, inclusa un’estensione degli accordi di distribuzione, circa 630 milioni.

Banca Akros parla di un’offerta in un range di 600-700 milioni di euro, considerando il prolugamento degli accordi commerciali al 2040.

“Anima ha una flessibilità finanziaria di circa 600 milioni di euro. Ricordiamo che l’M&A è un ‘game changer’ per la società. Anima potrebbe essere in procinto di creare il terzo più grande asset manager in Italia con 170 miliardi circa di asset e una delle più estese reti di distribuzione in Europa (Poste, Banco Bpm e Mps)”, commenta il broker.

Per Equita “con un contratto di distribuzione di lunga durata ... e con clausole robuste arriviamo ad una valutazione di 730 milioni, pari a 18 volte gli utili normalizzati (16 volte post sinergie)”.

La Sim si attende che “il deal sia finanziato con un aumento di capitale di 300 milioni e per la parte rimanente a leva con un effetto positivo sull`Eps del 10% circa.

.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola “Pagina Italia” o “Panorama Italia”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below