28 settembre 2015 / 13:20 / tra 2 anni

PUNTO 1-Bce, prematuro parlare di allargamento Qe - Lautenschlaeger

(Aggiunge dettagli)

MILANO, 28 settembre (Reuters) - E’ troppo presto per discutere di un‘espansione del programma di acquisto asset della Banca centrale europea in quanto le attese di una modesta ripresa economica sono ancora intatte.

Lo ha detto Sabine Lautenschlaeger, membro del board esecutivo della Bce, a margine di un convegno a Milano.

L‘istituto centrale ha acquistato asset per un valore intorno ai 60 miliardi di euro ogni mese a partire da marzo nell‘ambito di un programma di ‘quantitative easing’ finalizzato a rilanciare l‘inflazione, ma la crescita dei prezzi è rimasta anemica anche a causa del calo delle quotazioni delle commodity.

“Per me è troppo presto per parlare di misure concrete per ampliare il Qe”, ha dichiarato. “Come ho detto lo scenario di base è ancora intatto”.

BANCHE ITALIA SU BUONA STRADA, ANCORA LAVORO DA FARE SU NPL

Lautenschlaeger ha poi aggiunto che il sistema bancario italiano è sulla buona strada ma deve essere fatto di più, ad esempio in tema di Npl.

“Il sistema bancario italiano è migliorato molto”, ha dichiarato, citando governance e livelli di capitale. “C‘è però ancora lavoro da fare, sui non performing loans per esempio. Ma complessivamente il sistema bancario italiano è sulla strada giusta”.

Parlando in generale delle banche europee Lautenschlaeger, che rappresenta il braccio di vigilanza della Bce nel board dell‘istituto centrale, ha sottolineato che molte saranno in grado di soddisfare i nuovi requisiti con il capitale che già hanno.

La Bce ha assunto la sorveglianza delle 123 principali banche della zona euro l‘anno scorso ed è in corso un processo per stabilire i requisiti patrimoniali individuali per questi istituti nell‘ambito del Supervisory Review and Evaluation Process (Srep).

“Alcuni dei ratio Srep saliranno ma se questo significa che una banca deve aumentare il capitale dipende dagli strumenti della banca”, ha detto.

Il Single Supervisory Mechanism della Bce si è lamentato dei differenti standard di supervisione e di pratiche divergenti all‘interno della zona euro.

La Bce, ha aggiunto Lautenschlaeger, ha rilevato che un certo numero di banche sotto la sua sorveglianza non rispetta le best practice internazionali in tema di governance, come la separazione delle funzioni di audit e di gestione del rischio.

Le osservazioni della banca centrale includono inoltre esempi di concentrazione di potere nelle mani di singoli membri dei consigli di amministrazione, ha proseguito Lautenschlaeger. “Chiederemo alle banche di dare un seguito a quanto emerso”, ha detto in un discorso.

(Valentina Za)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below