13 ottobre 2010 / 08:14 / tra 7 anni

BORSE EUROPA - Indici in rialzo grazie a Fed, tech su Intel

                             indici              chiusura 
                           alle 9,50    var.         2009  --------------------------------------------------------------- EuroStoxx50 .STOXX50E       2.804,39    +1,03%    2.966,24  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.078,84    +0,71%    1.045,76  Stoxx banche .SX7P            211,43    -0,06%      221,27  Stoxx oil&gas .SXEP           304,99    +0,94%      330,54  Stoxx tech .SX8P              201,75    +1,41%      184,35 ----------------------------------------------------------------
 LONDRA, 13 ottobre (Reuters) - Le piazze europee viaggiano in territorio positivo grazie alla Fed e alle previsioni di Intel. Dalle minute della banca centrale Usa emerge la disponibilità a nuovi stimoli all‘economia, mentre risultati e outlook della leader mondiale dei chip hanno dato una spinta ai titoli tecnologici.
 “Fin tanto che le società batteranno le attese di mercato nelle loro trimestrali il mercato salirà. Ma adesso la questione è come la Fed procederà nel suo allentamento quantitativo, se sarà tutto in un‘unica grande botta o mese per mese”, ha detto Ben Critchley, sales trader per Ig Index.
 I titoli legati alle materie prime .SXPP avanzano del 2%, seguiti dai tecnologici .SX8P, su dell‘1,4%.
 Intorno alle 9,50 l‘indice europeo FTSEurofirst 300 .FTEU3 guadagna l‘1,03%. Sui singoli mercati il Ftse 100 britannico .FTSE avanza dello 0,99%, il Dax tedesco .GDAXI dello 0,95% e il Cac 40 francese .FCHI dell‘1,14%.
  
 Tra i titoli in evidenza:
 * Tra le minerarie FRESNILLO (FRES.L), ANTOFAGASTA (ANTO.L), XSTRATA XTA.L, RIO TINTO (RIO.L), ANGLO AMERICAN (AAL.L), BHP BILLITON (BLT.L) salgono tra il 2% e il 4%.
 * Positive anche le petrolifere, che festeggiano l‘anticipo della rimozione del divieto Usa di perforazione in giacimenti di acque profonde. TGS NOPEC GEO (TGS.OL) e CGG VERITAS (GEPH.PA) balzano riptettivamente del 9% e del 7%.
 * ASML (ASML.AS) avanza del 2% circa. La produttrice olandese di macchine per chip, che tra i suoi principali clienti ha Intel, ha battuto le attese del terzo trimestre con un utile netto di 296 milioni di euro contro 246 milioni. Brillante anche STMICROELECTRONIUCS (STM.PA) su del 3%.
 * STANDARD CHARTERED (STAN.L) cede oltre il 3% dopo aver annunciato un aumento di capitale da 3,3 miliardi di sterline per rafforzare i suoi requisiti patrimoniali e pesando sull‘intero sottoindice .SX7P (-0,06%). BARCLAYS (BARC.L) perde il 2,6%, DEXIA (DEXI.BR) e CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA) circa l‘1%.
 * BURBERRY (BRBY.L) cede quasi il 4%. I ricavi del secondo trimestre hanno battuto di un soffio le attese (259 milioni di sterline contro 358). Gli analisti tuttavia rilavano come il titolo sia già valutato con un premio del 10% rispetto ai suoi concorrenti e che le notizie positive siano già nei prezzi.
        

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below